Giorno della Memoria, 26 nuove pietre inciampo, un tram, molte iniziative per ricordare vittime Shoah

Milano

Non solo le pietre d’inciampo caratterizzeranno le iniziative per il Giorno della Memoria. Al Memoriale della Shoah si svolgeranno due giorni di visite guidate con la presenza di volontari della Protezione civile, degli studenti dell’Istituto ‘Frisi’ di Monza, e con persone detenute presso la seconda Casa di Reclusione di Milano Bollate. Nei giorni di visita sarà possibile vedere anche la mostra allestita per l’occasione dedicata ai Cento Giusti del Mondo.
La sera del prossimo 27 gennaio, in diretta sulla Rai, il Memoriale verrà fatto conoscere a milioni di persone, ancora grazie alla presenza della senatrice Segre che sarà intervistata da Fabio Fazio. Il Comune sarà presente con alcuni documenti trasferiti per l’occasione dalla Cittadella degli Archivi: saranno mostrati il registro del Censimento del 1938, in cui fu schedata la famiglia di Liliana Segre; il registro della Leva militare dei nati nel 1899, i famosi ragazzi del ’99, gli ultimi neomaggiorenni che partirono per la Grande Guerra. Alberto Segre era stato uno dei ragazzi del 1899 e sul registro di leva del 1938, sul suo nome, venne apposto il timbro “razza ebraica”.
Insieme al Memoriale della Shoah anche altri luoghi della città ospiteranno iniziative. Palazzo Marino, il 27 gennaio in Sala Alessi, accoglierà una rappresentanza di studenti e studentesse delle scuole cittadine e domani, martedì 24 gennaio, alle ore 17.30 un concerto per il ventesimo anniversario del Giardino dei Giusti.
E poi il Teatro alla Scala, il Conservatorio ‘Giuseppe Verdi’, il Teatro Lirico ‘Gaber’, i teatri Pime e Bruno Munari, Palazzo Reale, l’aeroporto di Linate, l’ex Albergo Regina e i nove Municipi. Altri appuntamenti si svolgeranno al Giardino dei Giusti, al Parco Nord e per le vie della città che ospiteranno la Marcia per la Memoria (Run for Mem), nella mattinata di domenica 29 gennaio.
Infine, la Cittadella degli Archivi, dove è sempre possibile consultare il materiale relativo al Censimento del 1938 inviando una mail a cittadellarchivi@comune.milano.it. Il Giorno della Memoria, il 27 gennaio, per 24 ore, sarà visitabile online dal Geoportale del Comune la mappa interattiva dello storico Censimento.

 Da oggi in occasione delle iniziative per il Giorno della Memoria, sarà in circolazione a Milano il “tram della Memoria” , un mezzo Atm con una livrea nuova caratterizzata da una distesa di papaveri simbolo di memoria, speranza e rinascita.
Prende così corpo l’inizitiva con cui l’Amministrazione comunale intende dare seguito a quanto chiesto anche dalla senatrice a vita Liliana Segre per far conoscere di più ai milanesi e non solo il Memoriale della Shoah – Binario 21 (piazza Edmond J. Safra 1 – ex via Ferrante Aporti 3), da dove partirono i treni dei deportati. Lo scorso novembre, infatti, l’Amministrazione comunale si era impegnate a far conoscere più diffusamente dove si trovasse il Memoriale e come raggiungerlo. Da lì la proposta di personalizzare un tram Atm dedicandolo al Giorno della Memoria e al Memoriale della Shoah – Binario 21. La proposta è così divenuta progetto e da domani il “tram della Memoria” inizierà a circolare con una livrea nuova caratterizzata da una distesa di papaveri simbolo di memoria, speranza e rinascita. Sulla fiancata le scritte “27 gennaio – Giorno della Memoria” e “Memoriale della Shoah – Binario 21 – Stazione Centrale”. Il tram completamente accessibile viaggerà sulla linea 9 appositamente scelta da Atm per il suo percorso cittadino con destinazione Stazione Centrale. Il suo capolinea si trova a pochi minuti a piedi dal Memoriale della Shoah. Sulla vetrata dell’ingresso, in piazza Edmond J. Safra 1, una vetrofania identica richiamerà la livrea del tram, a ulteriore indicazione del luogo.
“Finalmente dopo tanti anni c’è un tram che gira per Milano, finalmente per la prima volta passa un tram con scritto Giorno della memoria e Memoriale della Shoah. Perché ho rotto le scatole e così prima di morire vedrò la mia Milano con il mio tram, che non posso più prendere perché ho la scorta e fra poco la smetterò anche di dare fastidio. Sono contenta, ma da quanti anni poteva esserci questo tram?”, ha commentato Liliana Segre, oggi alla presentazione delle iniziative. La senatrice ha visto in anteprima il tram della Memoria in un deposito cittadino con il sindaco, Giuseppe Sala, a cui ha fatto notare che sulla fiancata manca l’indirizzo del Memoriale. Sala ha puntualizzato che ha chiesto ad Atm di rimediare.
Segre ha anche detto che “il pericolo dell’oblio c’è sempre e sono convinta che tra un po’ sulla Shoah ci sarà una riga su un libro di storia e poi non ci sarà più neanche quella”. “È vero che non sono mai contenta – ha detto – . Perché è così, quando uno è così vecchio come me e ha visto prima l’orrore e poi è arrivato a sentire che si nega addirittura. Quando a un certo punto la coscienza si sveglia, dopo che sei stato non capito e silenzioso, non sei mai contento perché quello che vedi attorno a te non è abbastanza, una come me non si accontenta, è pessimista”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.