Il commento di Luciano: 19a giornata di serie A

Sport
Buona domenica ai lettori, giornata terminale del girone di andata, frazionata in ben 4 date progressive da sabato a martedì, causa l’interferenza col calendario di coppa Italia.
Nel primo appuntamento dei 3 anticipi di ieri, Verona-Lecce, i veneti conquistano la seconda vittoria (2-0) nelle ultime tre giornate e si portano a -4 dal quartultimo posto del Sassuolo: a segno Depaoli a pochi minuti dall’intervallo e Lazovic nella ripresa. Infortunio apparentemente grave per Henry nel finale. Giallorossi di nuovo sconfitti dopo sei risultati utili consecutivi.

+

Salernitana-Napoli 0-2 Gol di Osimhen
Alle 18, ecco in campo Salernitana e Napoli per il derby campano. Attesa la squadra di Spalletti alla conferma, dopo la squillante e clamorosa vittoria sulla Juventus, ma data la tenace opposizione della squadra granata (Nicola reintegrato sulla panchina, dopo l’esonero-lampo per gli 8 gol subiti a Bergamo), il primo tempo stava per chiudersi sullo 0-0 quando ecco la zampata di Di Lorenzo, che slocca il match: all’ultimo respiro, su assist basso di Anguissa. Il tap in di Osimhen sul palo colpito da Elmas al 3′ del primo tempo, fissa il punteggio sullo 0-2. Nel finale, però, palo di Piatek per i padroni di casa. Per effetto di questo nuovo successo, il Napoli, anche senza l’influenzato Kvaratskhelia, è sempre più primo in chiusura del girone di andata, col punteggio record di 50 punti. La Salernitana di D. Nicola, sempre a quota 18 e con appena 2 punti conquistati nelle ultime 7 partite.
Ultimo della serata, il confronto tra Fiorentina e Torino. I granata mettono a segno il colpaccio, la Fiorentina sprofonda nella mediocrità. Al Franchi i ragazzi di Juric si impongono per 1-0, grazie a una perla mancina estratta poco dopo la mezz’ora del primo tempo da Miranchuk. Un successo meritato e giustificato, dato che si vedono annullare un gol con Seck, colpiscono una traversa con lo stesso senegalese e, in generale, giocano una prima frazione di ottimo livello. Dopo l’intervallo la Fiorentina prova a risalire la china, ma crea le uniche, vere palle gol solo nella fase finale della partita, uscendo, come è inevitabile, sotto la pioggia di fischi dalle gradinate. In classifica, ora il Toro stacca proprio la Fiorentina e si porta temporaneamente al settimo posto, davanti all’Udinese. Ma si profila già una possibile rivincita tra una decina di giorni, in Coppa Italia.
Questo è quanto per i primi anticipi, oggi toccherà ad altre 8 squadre che daranno vita a 4 partite, iniziando da Sampdoria-Udinese alle 12,30. Seguirà un interessante Monza-Sassuolo alle 15, poi Spezia-Roma alle 18 e, per finire, alle 20,45 il big match Juventus-Atalanta. Partita che si profila interessante per l’aspetto tecnico, ma anche inquietante per l’ambiente bianconero e per l’ambiente calcio dopo le recenti novità, provenienti dalla sentenza sportiva, che infligge ad Allegri e & qualcosa come 15 punti di penalizzazione, da scontarsi nel campionato in corso. Come reagiranno in campo i giocatori, aldilà delle dichiarazioni del tecnico che afferma “non cambia nulla”?
Lo sapremo intorno alle 22,30.
Per ora è tutto, arrivederci a domani per le restanti partite in calendario per questo finale di girone:
Bologna-Cremonese alle 18.30 e Inter-Empoli alle 20,45. La 19a si chiuderà martedì con la sfida tra Lazio e Milan alle 20,45.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.