Azovstal, accordo Russia-Ucraina per evacuazione soldati feriti

Esteri

Accordo Russia-Ucraina sull’evacuazione dei feriti dall’acciaieria Azovstal di Mariupol. I soldati ucraini feriti che si trovano nell’impianto potranno uscire. Saranno trasferiti in un ospedale di Novoazovsk, nella autoproclamata repubblica popolare del Donbass, ha reso noto il ministero della Difesa russo, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa russa Ria Novosti, citando il contenuto dell’accordo raggiunto con i militari ucraini bloccati nei tunnel dell’acciaieria di Mariupol.

Secondo quanto riferito in precedenza dalla stessa agenzia russa, citando il comandante Alexander Khodakovsky, della brigata Vostok della Repubblica popolare di Donetsk, nove militari ucraini sarebbero usciti dall’acciaieria sventolando la bandiera bianca della resa. Una notizia che non ha trovato conferma da parte ucraina.

Nella notte il presidente ucraino Volodymyr Zelensky aveva fatto sapere che stavano proseguendo “negoziati molto complicati e delicati per salvare la nostra gente di Mariúpol, dall’acciaieria Azovstal”.

Le forze armate ucraine non si fermeranno fino a quando non avranno recuperato il Donbass e le truppe russe non avranno cessato la loro offensiva nel paese, ha dichiarato ancora Zelensky, per il quale “gli occupanti non vogliono ancora ammettere di essere in un vicolo cieco e di aver fallito la loro cosiddetta ‘operazione speciale’. “Tutta questa brutalità degli occupanti, che l’Ucraina sta vivendo ogni giorno, porterà solo al fatto che i soldati russi sopravvissuti riporteranno il male in Russia, lo restituiranno perché si ritireranno”, ha dichiarato ancora. Allo stesso modo, il presidente ha ribadito che sta lavorando affinché i Paesi rafforzino le sanzioni contro la Russia. “La priorità è l’embargo petrolifero”, ha sottolineato. (Adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.