Negoziati Ucraina Russia primo round. Varato dal Cdm il decreto d’aiuti

Esteri

Negoziati tra Ucraina e Russia, terminati i primi colloqui tra le delegazioni dei due Paesi al confine bielorusso. Si tratta del primo tentativo di dialogo dall’inizio della guerra innescata dall’invasione ordinata dal presidente russo Vladimir Putin. I negoziati sono iniziati poco dopo le 12, ora italiana e sono terminati quasi cinque ore e mezza dopo. I colloqui si sono tenuti nella “Casa del pescatore” sulla riva del fiume Pripyat. “I colloqui con la parte ucraina sono durati circa cinque ore. Abbiamo discusso in dettaglio tutti i temi in agenda e trovato alcuni punti in comune su cui prevediamo che possano essere trovate posizioni comuni”, ha detto Medinsky, a cominciare dal fatto che i negoziati continuino. E continueranno “nei prossimi giorni al confine tra Polonia e Bielorussa, c’è un accordo su questo”, ha riferito il capo della delegazione russa, secondo cui “fino ad allora ogni delegazione si consulterà con la leadership del proprio paese sulle proprie posizioni negoziali”.

Dal canto suo, il consigliere della presidenza ucraina, Mikhail Podolyak, ha confermato che “le due parti hanno identificato un certo numero di temi prioritari su cui sono state indicate alcune decisioni. Perché ci sia l’opportunità di attuarle le parti partiranno per consultazioni nelle loro rispettive capitali. La possibilità di un secondo round di consultazioni nel prossimo futuro è stata discussa e questi temi verranno sviluppati in modo pratico e concreto”. In Italia via libera al decreto di aiuti. Il Consiglio dei Ministri ha approvato all’unanimità un decreto legge che introduce ulteriori misure urgenti in relazione agli sviluppi della crisi in Ucraina. L’invio “in deroga” di “mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari” al governo ucraino potrà avvenire “fino al 31 dicembre” ma “previa risoluzione delle Camere”, prevede la bozza del decreto.  Saranno poi decreti del ministero della Difesa, “di concerto” con Esteri e Mef a definire “l’elenco” degli aiuti militari.

STATO DI EMERGENZA FINO A DICEMBRE

“Il Consiglio dei ministri ha deciso di incrementare le misure di soccorso ed assistenza alle persone che, in maniera massiccia, stanno cercando e cercheranno rifugio nell’Unione europea. Per questo motivo ha deliberato la dichiarazione dello stato di emergenza, fino al 31 dicembre 2022, rivolto ad assicurare soccorso e assistenza alla popolazione ucraina sul territorio nazionale in conseguenza della grave crisi internazionale in atto”. E’ quanto approvato dal Cdm all’unanimità, secondo quanto riferisce una nota di Palazzo Chigi.

IL PIANO ENERGIA DELL’ITALIA

Il nuovo decreto “si occupa del livello di rischio imprevisto” rispetto al funzionamento del sistema nazionale gas. Palazzo Chigi spiega che “si autorizza, anche a scopo preventivo, di anticipare l’adozione di misure per l’aumento dell’offerta e/o riduzione della domanda di gas previste in casi di emergenza, una eventualità che al momento non corrisponde a quella in cui si trova il nostro Paese”. In più “si rende immediatamente attuabile” il razionamento del gas utilizzato “dalle centrali elettriche” e “nel settore termoelettrico”. Sarà il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ad adottare con “provvedimenti e atti di indirizzo” misure “finalizzate all’aumento della disponibilità di gas e alla riduzione programmata dei consumi di gas previste dal Piano, “a prescindere dalla dichiarazione del livello di emergenza”. Lo prevede la bozza del decreto. Il ministro dovrà poi darne “comunicazione nella prima riunione del Consiglio dei ministri successiva all’adozione delle misure”. “L’Italia ha un piano molto chiaro: nel brevissimo termine, nell’ordine di settimane, non c’è nessun problema di approvvigionamento, dal prossimo anno c’è da affrontare il problema dello stoccaggio, ma abbiamo una strategia per il breve, il medio e il lungo termine, per sganciarci dalla dipendenza del gas russo”, ha detto il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, a margine del Consiglio Ue Energia a Bruxelles, evidenziando che la riduzione degli stock invernali in Italia è “in linea” col passato e che l’impegno è ora quello di lavorare per le scorte per l’anno prossimo. Sul piano europeo, il ministro ha ribadito l’impegno di Roma per gli stoccaggi comuni “anche su forma volontaria”. La bozza di decreto prevde inoltre che ,se scattano i razionamenti del consumo di gas “nel settore termoelettrico”, Terna dovrà predisporre “un programma di massimizzazione dell’impiego degli impianti di generazione di energia elettrica con potenza termica nominale superiore a 300 MW che utilizzino carbone o olio combustibile in condizioni di regolare esercizio, per il periodo stimato di durata dell’emergenza” o fino a quando indicato dal Mite. Terna invierà report settimanale a Mite e Authority. Agli impianti si applicheranno limiti europei di emissioni di Co2, meno restrittivi di quelli nazionali. “I test” per sganciare la rete elettrica ucraina da quella russa e collegarla a quella europea “sono stati di successo, l’Ucraina ha visto che può sganciarsi, a questo punto gli operatori stanno cercando di rendere questo sganciamento effettivo, è tutto in divenire in queste ore”, ha detto Cingolani.

I RIFUGIATI 

“Un incremento di 13.000 posti dei centri straordinari che potranno essere attivati dai Prefetti (CAS) e un potenziamento di ulteriori 3.000 posti del sistema di accoglienza e integrazione (SAI)”: sono alcune delle misure previste per quanto riguarda i rifugiati in arrivo dall’ Ucraina.

UN FONDO PER STUDENTI E DOCENTI

Il consiglio dei ministri ha istituito un apposito Fondo da 500 mila euro per finanziare misure di sostegno per studenti, ricercatori e docenti ucraini affinché possano svolgere le proprie attività presso università, istituzioni per l’alta formazione artistica, musicale e coreutica ed enti di ricerca italiani. Sono previsti, fa sapere Palazzo Chigi, tutti i mezzi per garantire loro il diritto allo studio, partendo dalle borse di studio. Stanziati 10 milioni di euro a carico del Fondo per le emergenze nazionali per consentire di organizzare ed attuare gli interventi più urgenti in materia di soccorso e assistenza alla popolazione ucraina, fa sapere Palazzo Chigi dopo la riunione del cdm.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.