Salini, coordinatore di Fi: «Senza vaccini si chiude. Chi non vede questo, non vede la ripresa sanitaria ed economica”

Attualità

Forza Italia si è riunita per parlare di transizione, soprattutto sanitaria ed economica. Massimiliano Salini, coordinatore regionale, ha rilasciato un’intervista a Il Giornale, di cui riportano i passaggi più significativi

«Sì, il senso dell’ evento e del nostro impegno è provare a collocare l’agenda di Forza Italia, regionale ma inevitabilmente nazionale trattandosi di Lombardia, all’altezza di queste sfide. La realtà è sempre in movimento ma il Covid rende questo movimento più cruento. Siamo qui a domandarci cosa accade. L’esito di questa due giorni è certamente coerente coi presupposti». I vostri governatori hanno parlato della priorità: vaccinare. E lo stesso ha fatto Guido Bertolaso. «È l’unico modo per non chiudere. Chi svicola i due fenomeni -i vaccini e la giusta richiesta di non tornare alle chiusure -ha un’idea un po’ naif….Difficile trovare un criterio per misurarlo. Ma io fatico a trovare nelle decisioni del governo dei punti che non siano coerenti con i programmi di Fi in questi anni. È una convergenza che definirei preoccupante tanto è evidente. Nella maggioranza le ruvidità crescendo, in noi c’è una coerenza che altri non possono vantare». Il centrodestra non si discute? «Non c’è dubbio. Non sono quelli di governo i nostri alleati, sono Lega e FdI. Il senso di Forza Italia è essere baricentro del centrodestra». Al centro non sarebbe attrattivo? «Non per gli italiani. Forza Italia non è nata per dare continuità alla Dc, ma per portare la cultura liberale fuori dai salotti, nella realtà. Se dovessimo immaginare strade diverse non faremo altro che divorare i presupposti su cui si è fondato il nostro movimento». Il voto a Milano è andato male. «Non giudico i candidati, ma è come se, quando il centrodestra si stacca dall’identità conferitagli da Berlusconi, quando manca questo pilastro culturale e antropologico, vi fosse una crisi. Senza questo il centrodestra è orfano e si aggrappa ai voti, con ossessione timorosa e complessi di inferiorità. Berlusconi gli ha dato equilibrio, identità e “digeribilità” in tante sedi. Quando manca questa premessa ai candidati, gli italiani lo sentono subito…In forma diversa. Al Nord si vince con più facilità. C’è una tradizione che dimostra che non c’è alternativa al centrodestra. Però io penso che sia arrivato il tempo di rimettere a tema la necessitò di una guida esplicitamente coerente con la nostra proposta… Siamo convinti che non valga la pena variare la geometria esistente, è evidente che alle amministrative ci si può concedere qualche “fuoripista” perché vi è una forte presenza civica non qualificata politicamente. Questo garantisce una maggior flessibilità ma lo schema di gioco resta il centrodestra».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.