Massimo Galli indagato con altri 17 docenti per assegnazioni irregolari titoli di ricercatore, professore ordinario e associato

Milano

A Milano sono ben 17 i docenti della Statale ed uno della Bicocca indagati, mentre ce ne sono altri sette in altrettanti atenei – l’Università di Pavia, Tor Vergata e Sapienza a Roma, Torino, Palermo – insieme a cinque ricercatori, tutti favoriti nell’ottenere contratti. La procura avrebbe individuato “un sistematico condizionamento delle procedure per l’assegnazione dei titoli di ricercatore e di professore ordinario e associato all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’università degli studi di Milano”, riporta il decreto di perquisizione. L’inchiesta è partita nell’aprile 2018 da un caso di corruzione di un dentista, che sembra aver chiesto dei favori per i propri figli ad un docente nel corso di laurea di Igiene dentale. Tra i 24 docenti indagati e destinatari di perquisizione compare il nome di Massimo Galli, accusato di aver pilotato insieme ad altri colleghi quattro dei tredici bandi attualmente sotto indagine da parte degli investigatori. Nell’inchiesta compaiono anche altri nomi di primo piano del mondo accademico, indagati a vario titolo per associazione a delinquere, turbativa e falso ideologico e materiale, per il ruolo di presidenti o membri di commissioni d’esame, ma anche come beneficiari della procedura irregolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.