Pane quotidiano, Bernardo: presidio Polizia Locale contro degrado e appello alla generosità milanese

Milano

Luca Bernardo ha fatto visita a “Pane Quotidiano” con proposte di sensibilità e partecipazione “Un presidio di polizia locale”, è la soluzione prospettata dal candidato sindaco del centrodestra Luca Bernardo per risolvere i problemi di degrado e abbandono di rifiuti che lamentano da anni i residenti di viale Monza, che abitano accanto alla struttura di Pane Quotidiano. Con la presenza della polizia “i cittadini sapranno che c’è un controllo che non è la blindatura della città, ma un’attenzione per residenti e commercianti”,  e fa un appello -“Aspettiamo che i privati diano, che ci siano e che concorrano alla nostra città”. E’ l’appello che il candidato sindaco del centrodestra Luca Bernardo ha lanciato ieri mattina, dopo aver incontrato ‘i vertici’ di Pane Quotidiano in viale Monza, che si occupa della distribuzione di alimenti ai meno abbienti.

Bernardo ha chiesto ai privati di elargire donazioni per sostenere, anche per le spese di ristrutturazione, “la virtuosissima istituzione, esempio per la nostra nazione e per l’Europa”. “I privati devono entrare a dare una mano ai più bisognosi nella nostra città, faccio l’esempio dell’ospedale di Niguarda nel Medioevo. Quell’ospedale curava i poveri, li manteneva e li continuava a curare a casa. Li curavano i benestanti della città, quindi noi dobbiamo approfittare di questa gente che sono mecenati, le nostre piccole e medie imprese, liberi professionisti, ordini di categoria, qualcuno o ognuno può mettere qualcosa, tanto o poco per aiutare a far sì che questa città sia una città internazionale”, ha detto Bernardo, aggiungendo anche che, per quanto riguarda la ristrutturazione necessaria della struttura di viale Monza, “credo che quando un Comune avanza tanti milioni di euro e magari ha questi problemi, quei soldi saranno utilizzati anche per questo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.