Conte e Grillo dopo aver preso per i fondelli tutti, hanno fatto pace

Politica

Siamo tutti stati presi in giro dal sogghigno e la virulenza di Grillo e dai toni melliflui e opportunistici di Conte. I commenti hanno riempito pagine e pagine di giornali, proiettando conclusioni allora verosimili, ma, conoscendo i due buffoni, la conclusione di una riappacificazione  che conviene ad entrambi nonostante le distanze siderali, era nelle cose.

Per la cronaca: Giuseppe Conte approva il tentativo di mediazione in atto per rilanciare il Movimento 5 Stelle evitando scissioni, ma chiede che restino fermi alcuni dei principi fondamentali su cui si è già espresso con chiarezza. E’ questa la posizione dell’ex premier secondo fonti a lui vicine, che sottolineano come Conte abbia sempre lavorato per trovare una sintesi. Su alcuni valori fondanti, però, non intende transigere. 

La situazione nei Cinquestelle si è sbloccata dopo una cena a cui hanno preso parte Beppe Grillo, Luigi Di Maio e Roberto Fico. L’incontro, a Marina di Bibbona, ha aperto la via, a quanto si apprende, alla mediazione e ha preceduto il post su Facebook con cui Grillo ha sospeso la votazione del direttivo e incaricato un comitato di sette, inclusi gli stessi Di Maio e Fico, di una mediazione su statuto, carta dei valori, codice etico.

Chi ha vinto? Hanno indubbiamente perso gli allocchi che ancora ci credo anziché dire vaffa ad entrambi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.