Sala e la sua ossessione fantasma per le periferie

Milano

Ma, di recente, qualcuno ha avuto notizie del compagno Sindaco? E se sì, per caso, sa come stia andando la sua famosa ossessione per il benessere delle periferie? No, perché dobbiamo essercelo perso noi, ma nel periodo più duro da decenni per la città il Sindaco ci pare abbastanza etereo. Ce lo conferma il sempre attento Consigliere di Municipio 7 Franco Vassallo:

“La GRANDE ossessione di Sala per le periferie non è mai iniziata, anzi a vedere le periferie dopo dieci anni di governo di sinistra c’è da raccogliere solo i cocci.

Si è capito dal cantiere di via Pompeo Marchesi 52, che festeggia il quarto compleanno dell’incuria di quest’amministrazione, giunta e uffici tecnici .

Cantiere posto su una “tanto cara pista ciclabile” fiore all’occhiello del fantomatico assessore Granelli, adiacente ad un parco giochi ed una scuola materna dove genitori, bambini e ciclisti, oltre a guardarsi dal pericolo Covid devono anche preoccuparsi di non sbattere contro le transenne.

Che le periferie fossero già state abbandonate dal Pisapia, lo si era percepito dal programma di Sala e dalla sua ossessione per quest’ultime.

Ma lui il gran Beppone non può pensare che le periferie dimenticano la sua latitanza e le sue false promesse, compresa l’ultima estratta dal cilindro come un vecchio, decrepito coniglio, annunciando che metà del ricavato della vendita del Pirellino sarebbe stata destinata alle ossessionanti periferie, stiamo parlando di 100 milioni di euro.

Di questi 100 milioni di euro, non bisogna assolutamente dire niente a Granelli, prima che escogiti un’altra pista ciclabile o qualche casa (non dell’acqua) di red bull, visto che “mette le ali “ e lui è ossessionato dalla città green.

A questo punto, mi auguro che il cantiere perduri in queste condizioni fino alle prossime elezioni per il nuovo sindaco a Milano, quale miglior testimonianza per gli elettori su com’è stata amministrata la città dall’attuale giunta.“

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.