Vigili sequestrano 43 tra tavolini, sedie e ombrelloni ad un bar di via Pacini

Milano

L’Unità accertamento Cosap della polizia locale di Milano ha sequestrato 43 tra tavoli, sedie ed ombrelloni ad un locale che occupava abusivamente circa 40 metri quadrati del parterre centrale di via Pacini, nel Municipio 3. Lo ha riferito il Comune del capoluogo lombardo, spiegando che al locale non era stata concessa l’occupazione temporanea di suolo pubblico per l’esercizio di somministrazione di cibi e bevande (richiesta tramite le nuove procedure semplificate che prevedono la gratuità della tariffa Cosap fino al 31 ottobre) poiché interferiva con una stazione del bike sharing e con i flussi pedonali da piazzale Piola. Già nelle scorse settimane, su segnalazione del Municipio 3, sia gli agenti della Locale, sia del Nucleo accertamento Cosap sia del Comando decentrato, erano intervenuti in due occasioni chiedendo il ripristino dei luoghi. “E’ dunque la reiterata condotta illecita – ha spiegato il Comune – ad aver portato all’operazione di sequestro per violazione del regolamento Cosap”. 

“La procedura semplificata promossa dalla Amministrazione contribuisce a sostenere quelle attività commerciali che hanno maggiormente subito il lockdown a livello economico ma ovviamente questo non significa ‘liberi tutti’” ha dichiarato la vicesindaco e assessore alla Sicurezza Anna Scavuzzo, ricondando che “le valutazioni vengono realizzate caso per caso e bar, ristoranti ed esercizi commerciali hanno l’obbligo di attenersi alle decisioni che vengono comunicate, a maggior ragione in questo caso, in cui siamo arrivati alla sanzione e al sequestro dopo aver più volte invitato l’esercente a un ravvedimento autonomo”. Il controllo si è esteso anche alle norme igienico-sanitarie e di tutela dei lavoratori. Oltre alla violazione dell’articolo 20 del regolamento Cosap (“Occupazioni abusive di suolo pubblico”: 231,67 euro la sanzione prevista, oltre un’indennità pari al canone che sarebbe stato determinato se l’occupazione fosse stata autorizzata, aumentata del 30%), al gestore sono state contestate anche altre due norme di carattere penale: una relativa alla frode in commercio, per l’utilizzo di alimenti congelati non segnalati sul menù, e l’altra per la mancata segnalazione della cartellonistica indicante uscite di sicurezza e posizionamento degli estintori. Inoltre, per quel che riguarda le normative igienico-sanitarie, si è proceduto alla contestazione di sanzioni amministrative riferite alla gestione degli alimenti (2.000 euro) e all’utilizzo non conforme del raccoglitore di rifiuti (1.000 euro). Dall’inizio dell’anno sono stati 198 i controlli effettuati dall’Unità accertamento Cosap della Polizia locale per occupazioni di suolo pubblico difformi o abusive, di cui 88 da quando sono state rilasciate le prime autorizzazioni tramite procedura semplificata post lockdown. (askanews)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.