Senza mascherine e regole si rischia lo stop dei tassisti

Milano

Dal 24 febbraio tassisti milanesi sono ormai in grave difficoltà chiedono indicazioni e aiuti concreti sia al Comune di Milano che alla Regione per continuare a garantire la continuità del servizio pubblico in condizioni che siano però il più possibile sicure per operatori e utenza.

Cgil, Cisl, Uil, SatamCna, Unione Artigiani, le cooperative Radiotaxi «4040», «8585», «6969» e altre sigle di settore, hanno spiegato in una nota congiunta di aver sperato che «il tardivo incontro in prefettura di giovedì scorso portasse finalmente all’adozione di un protocollo sanitario ad hoc, che stabilisse su indicazione di Ats chiare regole operative, oltre alla necessità di dotare i tassisti di idonei dispositivi di protezione individuale».

L’ordinanza approvata dal Pirellone «non prevede nulla di tutto questo, limitandosi a stabilire il trasporto con almeno un metro di distanza dai passeggeri e addirittura l’estensione del servizio a fattispecie inedite come la consegna di merci, con un’ulteriore espansione del numero di contatti a cui si espongono i tassisti».

Si prospetta di poter impiegare anche i taxi «per i servizi di accompagnamento del personale medico di continuità assistenziale e di persone emodializzate in esecuzione degli accordi esistenti con l’Azienda Regionale Emergenza Urgenza», senza però prevedere che siano dotati degli strumenti necessari a gestire questo tipo di trasporti in sicurezza, per sé e per le persone con le quali entrano in contatto.

«I tassisti non si sono mai sottratti al proprio obbligo di servizio – assicurano – e soprattutto non è mai venuto meno il loro senso del dovere nei confronti della collettività. Anche in questo caso, di fronte a una pandemia, ci siamo fatti carico dell’emergenza in totale solitudine. Oggi però i conducenti sono preoccupati per la propria salute, che mai come adesso coincide con la salute pubblica. E senza indicazioni chiare e dispositivi per la protezione individuale non saremo più in grado di garantire la continuità del servizio». In questo modo quindi si rischia lo stop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.