Cento milioni per demolire e ricostruire per il 2022 il nuovo Ortomercato di Milano

Milano

E’ finalmente entrato nella sua fase attuativa il progetto di Sogemi per «Foody Mercato Agroalimentare Milano» che prevede un investimento complessivo di 100 milioni di euro  e dovrebbe vedere la fine dei lavori nel 2022.

Sorgerà un nuovo Padiglione Ortofrutta, moderno e innovativo, che ospiterà ben 114 grossisti e 97 produttori locali, oltre a una nuova piattaforma logistica, per tutte le attività complementari e un rinnovato Palazzo Affari. Proprio quest’ultimo come ha spiegato il presidente di Sogemi Cesare Ferrero, subirà una riqualificazione «per divenire un polo per aziende e professionisti italiani e internazionali che operano nella filiera agroalimentare, offrendo spazi lavorativi di smartworking e co-working e servizi pensati per soddisfare le necessità odierne e future.»

Foody Mercato Agroalimentare Milano, composto da 4 mercati Ortofrutta, Ittico, Fiori e Carni, con 10 milioni di consumatori serviti e oltre 1 miliardo di euro all’anno di merci scambiate, è già fra i più importanti mercati all’ingrosso di tutta l’Europa. Ma, come non ha mancato di riconoscere il presidente Ferrero, «negli ultimi 20 anni abbiamo assistito ad una progressiva perdita di competitività a causa di piani di sviluppo mai approvati, 8 in 16 armi, e dell’assenza di adeguati investimenti per una struttura costruita nel 1965 e ormai inefficiente.

Il mercato milanese che presenta un fatturato annuale di 14 milioni di euro, punta a crescere come i suoi competitor europei, quelli di Madrid, Parigi, Barcellona, che con volumi di transazioni superiori a 2 miliardi di euro mostrano il potenziale di questo tipo di strutture.

L’auspicio di Cesare Ferrero è che nel futuro il Mercato Agroalimentare milanese possa trasformarsi «in un polo di innovazione e sperimentazione per tutta la filiera agroalimentare italiana».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.