Milano, rubavano le Ducati per smontarle e rivenderle: smantellata banda di predoni

Cronaca

Rubavano solo  Ducati, a loro interessavano solo quelle. E dopo averle prese le portavano a Milano dove, una volta smontate, le rivendevano a pezzi sul mercato parallelo. Venerdì mattina,22 novembre, i carabinieri di Riccione hanno arrestato otto persone  (una in carcere, sette ai domiciliari) mentre per altre sei è scattato l’obbligo di dimora e di presentazione alla polizia giudiziaria. Come riporta  RiminiToday, le misure cautelari sono scattate tra le province di Rimini, Milano e Como.

Le indagini hanno avuto inizio nel luglio del 2018 dopo i clamorosi furti commessi tra Rimini, Riccione e Misano Adriatico durante la tappa del mondiale Superbike e il World Ducati Week. Gli investigatori hanno individuato e arrestato il presunto capo della banda, un 32enne di Cinisello Balsamo che è stato rinchiuso nel carcere di San Vittore.

Come hanno ricostruito i carabinieri, i banditi , dopo aver preso di mira la moto da rubare, la avvicinavano con un furgone e in pochi secondi la caricavano per poi passare ad un altro obiettivo. Le moto venivano poi nascoste e  smontate per ricavarne pezzi di ricambio o portate all’estero. La banda, formata dal capo ed altri suoi parenti, secondo quanto appurato dai carabinieri, aveva organizzato un vero e proprio business con le moto rubate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.