Prevenzione degli atti di violenza a danno degli operatori sanitari

Scienza e Salute

10 maggio alla ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda

Per la prima volta a Milano, il corso è dedicato a coloro che quotidianamente devono affrontare il pubblico e prevenire gli episodi di violenza, verbale o fisica, in costante aumento presso le strutture sanitarie (soprattutto i Pronto Soccorso), con l’obiettivo di fornire misure concrete per poter mettere in sicurezza i luoghi di lavoro anche sotto il punto di vista del fenomeno della violenza. Promotori e organizzatori dell’iniziativa sono Pegaso Lavoro Soc. Coop e e la Segreteria di Milano del NurSind, il Sindacato delle Professioni Infermieristiche Per contrastare e gestire il sempre più frequente fenomeno delle aggressioni in ospedale.

A Niguarda gli Infermieri e gli operatori sanitari vanno a scuola di prevenzione degli atti di violenza

Promosso dal NurSInd di Milano e da Pegaso Lavoro, il corso si tiene il 10 maggio 2019, in occasione della Giornata Internazionale dell’Infermiere. Relatrice è Gabrielle Fellus, professionista di grande esperienza e ideatrice del metodo I Respect

 In tutta Italia, gli episodi di aggressione compiuti negli ospedali ai danni di infermieri, medici e personale sanitario sono sempre più frequenti e violenti. Un problema che rende gravoso, oltre che pericoloso, svolgere il proprio lavoro con serenità in pronto soccorso, in corsia e nei vari reparti. Proprio per tutelare chi in ospedale opera quotidianamente, mettendosi al servizio dei pazienti, il 10 maggio 2019 si terrà, per la prima volta a Milano, alla ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda il seminario “PREVENZIONE DEGLI ATTI DI VIOLENZA A DANNO DEGLI OPERATORI SANITARI”. Il corso è dedicato a coloro che quotidianamente devono affrontare il pubblico e prevenire gli episodi di violenza, verbale o fisica, in costante aumento presso le strutture sanitarie (soprattutto i Pronto Soccorso), con l’obiettivo di fornire misure concrete per poter mettere in sicurezza i luoghi di lavoro anche sotto il punto di vista del fenomeno della violenza.

Come tutelare se stessi, i pazienti e l’ambiente di lavoro

L’aggressività a danno degli Operatori, nel Sistema Sanitario, perpetrata nei luoghi di cura da pazienti e familiari, è un fenomeno in aumento e rappresenta un rischio per la salute e la sicurezza degli stessi, tanto da essere stato etichettato dal Ministero della Salute come “evento sentinella”, una situazione avversa particolarmente grave per la quale occorre implementare opportune misure correttive e provvedimenti per la protezione dei lavoratori anche in considerazione a quanto indicato nella Raccomandazione n. 8/2007 del Ministero della Salute. Risulta importante quindi il riconoscimento preventivo, la gestione degli atti aggressivi e la conoscenza di  tutte quelle misure tecniche, organizzative e procedurali, atte a prevenire e contenere tale fenomeno, attraverso un corso dedicato e già sperimentato per operatori del Sistema Sanitario.  Lo scopo del corso, affidato non a caso ad una professionista di grande esperienza quale Gabrielle Fellus,è finalizzato a fornire agli Infermieri e agli operatori sanitari informazioni utili per il riconoscimento di segnali di pericolo o di situazioni che possono condurre ad aggressione, ad evitarle e a chiamare aiuto prima che la situazione peggiori o addirittura possa avere conseguenze legali per l’operatore e per la struttura ospedaliera. L’identificazione del potenziale rischio proveniente da un soggetto in crisi di rabbia o aggressività con tecniche di gestione e controllo della situazione, senza conseguenti danni a persone o materiali, è uno step necessario e fondamentale per prevenire rischi. Il metodo I Respect, brevettato da Gabrielle Fellus e sviluppato inizialmente per contrastare i disagi di genere, dalle violenze nei confronti delle donne a quelle meno evidenti perpetrate negli ambienti lavorativi, sino a quelli adolescenziali, con particolare attenzione al bullismo, utilizza tecniche del Krav Maga (un sistema di combattimento e autodifesa) e lavora con tecniche mente-corpo.

 Gli infermieri del NurSind i promotori dell’iniziativa

Promotori e organizzatori dell’iniziativa sono Pegaso Lavoro Soc. Coop e e la Segreteria di Milano del NurSind, il Sindacato delle Professioni Infermieristiche. “Abbiamo ritenuto fondamentale mettere a disposizione dei nostri associati tutti gli strumenti possibili per identificare i possibili rischi e prevenirli con efficacia, senza conseguenti danni a persone o materiali” spiegano dal NurSind Milano. “Il corso, che si tiene proprio in prossimità della Giornata Internazionale dell’Infermiere 2019, prende il via alle 8.30 e si sviluppa fino alle 13.30, concludendosi con una prova pratica. Si tratta di un corso che riconosce crediti ECM per gli infermieri e che, per gli iscritti al nostro sindacato, prevede quote vantaggiose”.

NurSind

NurSind è il primo ed unico sindacato infermieristico ad aver raggiunto la rappresentatività a livello nazionale. NurSind nasce nel 1998 in provincia di Cagliari e Trapani e negli anni si è diffuso in tutta Italia, dove è presente con oltre 100 segreterie territoriali: oggi conta più di 30.000 iscritti a livello nazionale. NurSind ha lo scopo di tutelare gli interessi e le prerogative della professione e di collaborare con le istituzioni per ripristinare la legalità e realizzare tutti gli obiettivi previsti dalla normativa in tema di diritti sanitari. www.nursind.it.

Nursind, Segreteria Territoriale di Milano, www.nursindmilano.org

Ufficio stampa NurSind Segreteria Territoriale di Milano:

Ink studio giornalistico associato

via Fara 8, 20124 Milano

Paola Barni cell. 349 2863484

Dorina Macchi cell. 338 1469256

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.