Lodi: polizia sequestra smartphone in una scuola per sospetti cyberbullismo

Cronaca

In una scuola primaria di secondo grado di Lodi la polizia ha sequestrato lo smartphone ad alcuni studenti, sospettando che vi siano memorizzate chat e video con “contenuti offensivi e lesivi della riservatezza” di alcuni loro compagni di classe.

Gli investigatori, oltre al sequestro del materiale, hanno interrogato a lungo diversi studenti per valutare eventuali ipotesi di reato. Dei casi di cyberbullismo erano già stati segnalati da alcuni ragazzi agli insegnanti, che dapprima hanno tenuto lezioni sul tema per cercare di contrastare il fenomeno, ma poi hanno deciso di informare la polizia  anche perché le tensioni sono culminate nel malore di una delle studentesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.