Addio all’Imperatore Bernardo Bertolucci, il grande maestro del cinema italiano

Cultura e spettacolo

Nato a Parma il 16 marzo 1941, Bernardo Bertolucci è il figlio del poeta Attilio e di Ninetta Giovanardi. Cresciuto assieme a suo fratello Giuseppe (anche lui regista cinematografico non meno bravo e noto autore teatrale), è il nipote del produttore cinematografico Giovanni Bertolucci.

Aveva respirato poesia e carnalità dalla sua terra e non le aveva mai dimenticate.

“Quando mi chiamano maestro, vorrei sparire. Sono sempre il ragazzino con la cinepresa, quello della poesia”. Ma è il solo regista italiano, finora, ad aver vinto un Oscar per la regia, considerando che Frank Capra, anche egli vincitore all’Oscar al miglior regista, era italiano ma naturalizzato poi statunitense. Nel 2007 gli fu conferito il Leone d’oro alla carriera alla 64ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e nel 2011 la Palma d’oro onoraria al 64º festival di Cannes. L’ultimo film da lui diretto è Io e te del 2012, tratto dal romanzo di Nicolò Ammaniti.

“La grandezza di Bernardo è stata quella di sapere tenere insieme l’intimità e la storia nel suo cinema, era una persona intelligente e dolcissima”. Roberto Andò ricorda l’amico e il collega, morto oggi a Roma a 77 anni, “era un uomo molto affettuoso, pieno di curiosità, un giorno abbiamo parlato fino a notte della mia Palermo che lui collegava ai suoi esordi cinematografici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.