Rogoredo, un altro morto. Sardone: “Comune in silenzio”

Cronaca

A nulla sono serviti i soccorsi del 118 per un ragazzo di 25 anni deceduto per overdose. Il giovane è stato colpito dal malore mentre si trovava in via George Orwell, vicino al ‘boschetto della droga‘ adiacente alla stazione di Rogoredo. È successo intorno alle 13.30 quando al 118 è arrivata una chiamata per intossicazione da sostanze pericolose. Si è tentato il trasporto d’emergenza in codice rosso al Policlinico, ma per il 25enne non c’è stato nulla da fare. Sul luogo sono intervenuti, avvertiti dai soccorritori, gli agenti della Questura che stanno indagando sulle cause che hanno portato al decesso del giovane.

A Rogoredo si continua a morire nel silenzio e nell’indifferenza del Comune di Milano: è di poche ora fa la notizia della morte di un giovane nel famigerato boschetto dell’eroina, l’ennesimo decesso causato dalla droga che in questo angolo nascosto di Milano continua a mietere vittime“. Così ha commentato la notizia Silvia Sardone, consigliere regionale e comunale del Gruppo Misto. “Le promesse in questi anni anni sono state tante, ma i fatti praticamente zero. Non ci vuole molto a capire che con i soli sporadici blitz non si va da nessuna parte: servono presidi fissi e telecamere, il resto sono chiacchiere. Probabilmente – continua Silvia Sardone – al Comune fa comodo tenere un’area di spaccio in periferia, lontana dai palazzi del centro“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.