Gino Bartali. Eroe silenzioso, tratto da “La corsa giusta” di Antonio Ferrara

Cultura e spettacolo

Teatro de Gli Incamminati – Spazio Banterle venerdì 25 maggio ore 20.30-  con Federica Molteni, regia Carmen Pellegrinelli. 

Milano 22 Maggio – Nel 2013 Gino Bartali è stato dichiarato “Giusto tra le Nazioni” dallo Yad Vashem, il memoriale ufficiale israeliano delle vittime dell’Olocausto per aver salvato centinaia di ebrei durante la Seconda guerra mondiale. Bartali, a soli 24 anni, rappresenta il ciclismo eroico degli anni ’30. Protagonista assoluto, ha un grande sogno: vincere Giro d’Italia e Tour de France nello stesso anno. Ma la Storia, incarnata nel Fascismo, entra di prepotenza a cambiare la carriera: la sua vita sportiva viene piegata ai voleri del Duce che vede in Bartali l’ambasciatore azzurro del fascismo nel mondo. Ma Bartali non ci sta e inizia la pagina meno nota della sua vita quando aderisce, come staffetta, alla rete clandestina organizzata dall’arcivescovo di Firenze, Elia della Costa. Per parlare dell’Italia e degli Italiani, della fatica dello sport e del silenzio delle azioni più coraggiose; per raccontare la vita di un grande campione ma soprattutto di un grande uomo. Una storia che Bartali ha sempre tenuto nascosta perchè “il bene lo si deve fare ma non lo si deve dire, che se lo dici si sciupa”.
Biglietto intero 12 €
prenotazioni: con un’email a biglietteria@incamminati.it o con un sms al 348 2656879
spazio Banterle – largo Corsi dei servi, 4 (S. Babila)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.