“Harry Potter: The Exhibition”, il mondo di Hogwarts sbarca a Milano, alla Fabbrica del Vapore

Cultura e spettacolo

Milano 14 Maggio – Se siete fan di Harry Potter sarà come entrare nel Bengodi. Se non lo siete è comunque un’ottima occasione per perdersi in un mondo da fiaba e tornare per qualche tempo bambini. “Harry Potter: The Exhibition”, alla Fabbrica del Vapore di Milano in esclusiva nazionale fino al 9 settembre, è uno di quegli eventi da non perdere. E lo testimoniano i 130mila biglietti già venduti in prevendita. Alla presentazione della mostra sono intervenuti anche i gemelli James e Oliver Phelps, meglio noti come Fred e George Weasley nei film della saga del maghetto. “Rivedere un costume o un oggetto di scena riaccende memorie che si erano perse” dicono.

E d’altro canto la nostalgia non sarà soltanto loro. Giunta per la prima volta in Italia a quasi dieci anni dalla prima tappa di Chicago, la mostra itinerante sul celeberrimo maghetto è un labirinto di uniformi, tuniche, bacchette e mostri tratti dai film, distribuiti in 1.600 mq di allestimento, che fa rivivere le emozioni provate guardando i film, con in più la sensazione di essere immersi in quel mondo.

Il percorso inizia con lo smistamento, dove il Cappello Parlante assegna i visitatori a una delle quattro case di Hogwarts. Passato l’Hogwarts Express, si entra nella magica scuola, accolti dai suoi ritratti parlanti. La sala comune dei Grifondoro è la prima vera tappa nell’arsenale immaginario di oggetti provenienti dai film: le uniformi di Hermione e Ginny, i vestiti di Neville Luna e l’angolino di Harry Ron, con i loro letti, abiti e bauli ricchi di manufatti, tutto quanto racconta una storia, come la bacchetta di Ron aggiustata con il nastro adesivo, o la Mappa del Malandrino. Il percorso prosegue con le aule: Pozioni, Difesa contro le arti oscure, lo studio della malefica professoressa Umbridge, Divinazione ed Erbologia, in cui si può estirpare una radice di mandragola urlante, dopo aver ammirato la sfera di cristallo e l’abito della professoressa Cooman (Emma Thompson) o il pomposo ritratto del professor Allock (Kenneth Branagh).

Nella sezione dedicata al Quidditch le cose cominciano a farsi interattive: dopo aver ammirato divise, coppe, scope Nimbus e le prime pagine dei gazzettini sportivi, si può provare a lanciare la pluffa. L’interazione è anche nella capanna di Hagrid, uno dei set ricostruiti con maggior completezza, tra i giganteschi abiti e l’ombrello-bacchetta del guardiacaccia di Hogwarts, e la poltrona dove si è invitati a sedersi. Dopo le creature della Foresta Proibita, un’intera ala è dedicata agli antagonisti di Harry Potter, tra uniformi, abiti e bacchette, uno svettante Dissennatore, la temibile Torre gigante della “Pietra filosofale” e gli Horcrux. Il finale spetta alla Sala Grande, forse la più ricca di storie: dallo scrigno del Calice di fuoco alla Coppa Tremaghi, dai vestiti per il Ballo del Ceppo a quelli di Silente e McGranitt, dalle pasticche vomitose ai Doni della morte, da Dobby alla spada di Godric Grifondoro, che congeda i visitatori, la tappa finale abbraccia quasi tutti i momenti della saga in un tripudio finale. (Tg.com24)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.