Lite all’ora di cena: gravissimo operatore del centro profughi aggredito da un migrante

Cronaca

Milano 27 Marzo – Ancora un grave episodio di brutalità che vede come protagonista un immigrato ospitato questa volta in una struttura d’accoglienza. Ne relaziona MilanoToday: “Sarebbe bastato un no per scatenare la violenza. Una risposta negativa al suo desiderio di cenare da solo in camera per dare il là alla discussione e alla successiva, violentissima, aggressione. Quindi, sarebbero arrivati il pugno, sferrato direttamente alla testa della vittima, e la caduta al suolo.

Sono questi i frame della follia avvenuta domenica sera nel centro d’accoglienza di via Maestri del Lavoro, nell’ex hotel Ambra a San Zenone al Lambro, dove un diciannovenne della Costa d’Avorio ha aggredito un operatore della struttura, un egiziano di sessantuno anni che lavora per la cooperativa “Insieme si può”.

Pochi minuti dopo le 20.30, stando a quanto finora ricostruito dai carabinieri della compagnia di San Donato, i due avrebbero iniziato a litigare perché il giovane voleva portare un piatto di riso in camera per cenare. Il dipendente del centro – gestito dalla fondazione “Fratelli di San Francesco d’Assisi” di Milano – gli avrebbe ricordato che per regolamento non poteva e a quel punto lui e il ragazzo avrebbero iniziato a discutere animatamente. Dalle parole ai fatti il passo sarebbe stato brevissimo e il diciottenne avrebbe colpito il rivale con un pugno alla testa.

L’operatore, che è immediatamente svenuto, è caduto pesantemente al suolo ed è rimasto privo di sensi a terra. Soccorso da un’ambulanza e un’auto medica, il sessantenne è stato trasportato in codice rosso al Policlinico di Milano, dove i medici gli hanno diagnosticato una emorragia cranica. Ricoverato in prognosi riservata, l’uomo è in pericolo di vita. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.