Rapinò 65mila euro in banca a Milano, 30enne detto ‘L’accompagnatore’ arrestato a Ventimiglia

Cronaca

Milano 6 gennaio – Ha rapinato 65mila euro in banca a Milano ed è stato arrestato a Ventimiglia, mentre tentava di espatriare con parte della refurtiva. Si tratta di Farouk Legliti 30 anni, italiano di origini marocchine con precedenti, che al momento dell’arresto trasportava nello zaino 50mila euro raccolti in mazzette. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere notificata dalla squadra mobile di Milano ha permesso di ricostruire una serie di almeno sei rapine in città compiute dall’uomo con l’aiuto di un complice nei primi quindici giorni dello scorso mese di maggio.

L’uomo, che stava scontando una pena per reati simili nel carcere di Bergamo, ha approfittato dei giorni di permesso premio per evadere e mettere a segno le rapine. Solo con l’ultimo colpo, avvenuto il 13 maggio in una filiale della Banca popolare di Milano in viale Sarca è riuscito a impossessarsi di 65mila euro, minacciando i dipendenti e i clienti con un coltello. Precedentemente, insieme al complice, aveva colpito una filiale Ubi in via Missaglia (il 2 maggio), una UniCredit in via Cesare Battisti e un punto Banca Popolare di Sondrio in zona Zara. Nella stessa zona avevano preso di mira anche una farmacia e un supermercato in via Astesani. Il totale della refurtiva ammonterebbe ad almeno 80mila euro.

Grazie al sistema Key Crime le forze dell’irdine hanno ricostruito la serialità dei fatti dando all’autore il nome “L’Accompagnatore”, perchè Farouk si faceva di solito accompagnare dalle vittime fuori dagli esercizi commerciali dopo aver commesso la rapina. Un operatore ha riconosciuto i suoi tratti somatici in uno dei filmati delle telecamere di sorveglianza che lo hanno ripreso mentre minacciava un farmacista. Gli agenti della polizia di frontiera di Ventimiglia lo hanno fermato perchè insospettiti da un atteggiamento ostile nei loro confronti e hanno quindi scoperto la refurtiva. L’uomo è tornato nel carcere di Parma, mentre il complice non è stato ancora trovato.(Repubblica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.