Premio di design Progetto Simbiosi, vince il Politecnico di Milano.

Cultura e spettacolo

Milano 22 novembre – Gli studenti del Politecnico di Milano hanno conquistato il primo e secondo posto di Progetto Simbiosi, il contest per studenti promosso da De’Longhi: fimo al 26 novembre i prototipi sono in mostra al Mudec di Milano. Al primo posto si è classificato Pensiero, un prodotto complementare che consente il riciclo dei fondi di caffè realizzato da Davide Parenti, Filippo Zambrelli e Federico Zagatti del Politecnico di Milano. Funziona così: il caffè viene versato in tazze biodegradabili Vipot fornite a ciascun ospite, il filtro viene poi rimosso dalla macchinetta e inserito all’interno di Pensiero che lo scompatta e lo asciuga. Una volta terminato il processo il fondo asciutto è dosato, posto nella tazzina di ciascun invitato, coperto da un tappo e la tazzina viene regalata ad ogni commensale che può piantarla direttamente nel terreno. Da questa tazzina biodegradabile nascerà una piantina.

Insieme agli altri 13 prototipi questo progetto è esposto in una mostra gratuita e aperta al pubblico che rappresenta il punto di arrivo del Progetto, partito a novembre 2016 e pensato per valorizzare le eccellenze del made in Italy, sensibilizzando i giovani, stimolando la creatività e permettendo di avvicinarsi alle culture artigianali e alle eccellenze manifatturiere del territorio italiano. “Abbiamo premiato questo progetto perché ha saputo interpretare il prodotto del caffè al di là del prodotto stesso e perché evoca il concetto di sostenibilità di processo con una particolare attenzione al riciclo. Il progetto, inoltre, coniuga molteplici aspetti: estetici, con un design lineare e contemporaneo, funzionali, con una completezza in termini progettuali, e sociologici con la captazione del fenomeno evolutivo dell’eco-sostenibilità” ha dichiarato Francesca Cester, coordinatrice del progetto.(Askanews)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.