Con le nuove regole così muoiono le feste e i mercatini di via

Milano

Costi esorbitanti per l’obbligo di pagare i vigili. Annullati quelli di via Feltre, via Venini e via Teodosio 

Milano 7 Novembre –  QUALCHE festa di quartiere è già stata annullata e ora rischia di chiudere anche il “Sabato di Lambrate”, uno dei mercatini artigianali più in voga della città.

Perché le norme di sicurezza stabilite in seguito agli ultimi attentati terroristici e ai fatti di Torino (dove il panico scatenatosi in piazza durante la finale di Champions ha provocato un morto e 1.500 feriti) stanno facendo lievitare i costi che gravano sugli organizzatori. Rispetto a prima, una manifestazione di via oggi costa il doppio, se non il triplo. L’obbligo, infatti, di avere diversi vigili in loco e più auto, in sostituzione dei jersey, si è tradotto in un esborso che molti commercianti non riescono a sostenere. A saltare, recentemente, sono state le feste di via Feltre, periferia nord est della città, di via Venini in zona Centrale (quest’ultima per una questione di tempi e di approvazioni) e di via Teodosio, a Città Studi. Qui, alla vista delle decorazioni smontate all’ultimo momento, i residenti sono insorti sulla Social street del quartiere: delusi e amareggiati come Licia, Beatrice e Gianvittorio perché «ad ogni attentato si è ripetuto non ci faranno cambiare il nostro stile di vita… e invece sì!». Il consigliere di Municipio Marco Cagnolati (Forza Italia ) annuncia una mozione e l’assessore Massimo Scarinzi (Pd) dà l’allarme: «I costi lievitati per la polizia locale rischiano di far saltare la maggior parte delle manifestazioni di quartiere il prossimo anno. Bisogna trovare al più presto una soluzione».

Il primo mercatino a rischiare grosso, da qui alla fine dell’anno, è il “Sabato di Lambrate” che si svolge in via Conte Rosso. Gli organizzatori stanno confezionando una raccolta fondi per mettere in salvo almeno le prossime due edizioni, il 18 novembre e il 16 dicembre: servono duemila euro per pagare le spese straordinarie di sicurezza. «Con le nuove misure — spiega Andrea Brembati, fondatore dell’associazione culturale Carmilla che si è inventata il mercatino insieme con i residenti di Vivi Lambrate — i costi sono triplicati e i 624 euro di prima sono diventati 1.750». La situazione è sotto gli occhi di tutti i Municipi, a maggior ragione ora che si avvicina il Natale e che i bandi per assegnare la gestione dei mercatini si stanno chiudendo. C’è chi già sta pensando a diversi escamotage per ridurre i costi: la via maestra è quella di scegliere location che abbiano già barriere naturali (alberi o parcheggi) e che quindi richiedano un minor presidio. «Abbiamo individuato aree che non hanno problemi di sicurezza—racconta il presidente del Municipio 7 Marco Bestetti — come zone pedonali e piazze chiuse».

Per Gabriel Meghnagi di Confcommercio «è giusto che le manifestazioni si svolgano in completa sicurezza. Ciò che può fare l’amministrazione, almeno fino a che ci saranno questi costi aggiuntivi, è di tagliare la Cosap». Sul fronte sicurezza, l’assessora Carmela Rozza si dice disponibile a incontrare gli organizzatori delle feste di via, come fatto di recente con l’Associazione Naviglio Grande. A una condizione, però: «Questi mercatini sono attività economiche e in quanto tali, prima di fare qualsiasi richiesta, devono presentare i bilanci. È una questione di trasparenza. Una volta visti i conti, poi, vediamo come si può intervenire».

Federica Venni (Repubblica)

VIA CONTE ROSSO Un’edizione del passato del “Sabato di Lambrate” che rischia di saltare per l’aumento dei costi determinato dalle norme antiterrorismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.