Spaccio via WhatsApp, 9 indagati nel Bergamasco

Cronaca

Milano 22 ottobre – Nove persone – 7 marocchini e due italiani, tra i 20 e i 50 anni – sono state indagate nell’ambito di un’operazione antidroga dei carabinieri di Treviglio (Bergamo), supportati dai colleghi cinofili di Orio al Serio (Bergamo). Eseguite all’alba dieci perquisizioni di locali pubblici e abitazioni. Lo spaccio avveniva tramite WhatsApp e l’operazione è stata infatti ribattezzata ‘WhatsApp 2017’.
 Per l’accusa, i magrebini avevano attivato una fitta rete di spaccio sulla piazza di Treviglio, ma non solo. Anche i comuni di Medolago, Terno d’Isola, Calusco d’Adda, Bonate Sopra, Chignolo d’Isola e Casirate d’Adda erano piazze ‘occupate’ degli indagati che trafficavano in prevalenza in cocaina, ma anche in hashish. Lo spaccio avveniva per strada, nei giardini pubblici ma anche in bar del centro di Treviglio.(Ansa)
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.