Minaccia l’ex moglie fuori da un bar e le devasta l’auto: arrestato

Cronaca

Milano 22 Luglio  – Prima l’ha insultata e minacciata. Poi, l’ha umiliata davanti a tutti. Quindi, non contento, le ha distrutto la macchina e ha giurato di fargliela pagare molto presto. 

Un uomo di quarantatré anni, italiano, è stato arrestato giovedì sera dai carabinieri del nucleo Radiomobile di Milano con l’accusa di “violenza privata” nei confronti della sua ex moglie, una donna di quattro anni più piccola. 

Le strade dei due si sono incrociate verso la mezzanotte in via Benedetto Croce, all’esterno di un chiosco bar che si trova nei pressi della fermata metropolitana Uruguay. L’uomo, che con la donna ha avuto un figlio di tre anni e una lunga relazione ormai interrotta da un paio di anni, era insieme alla sua nuova fidanzata e si è seduto a un tavolino del locale, non troppo lontano dalla sua ex. 

Pochi minuti dopo, probabilmente “spinto” anche dall’alcol, il quarantasettenne si è scagliato contro la vittima. Le ha lanciato contro una birra, le ha sputato sul volto e ha iniziato a urlare “Ti ammazzo, ti brucio”. Alcuni clienti e la stessa donna hanno subito chiesto aiuto ai carabinieri, che in sottofondo durante la telefonata hanno continuato a sentire le minacce dell’aggressore. 

Quando i militari sono arrivati sul posto, hanno trovato l’uomo che saltava sulla macchina della ex, danneggiandola pesantemente. Anche davanti ai militari, l’aggressore ha continuato a minacciare la trentanovenne: “Tanto esco subito – le ha urlato -. Ti brucio, ti taglio la testa”. 

A quel punto, per lui sono scattate le manette. Tra i suoi vari precedenti, i carabinieri hanno ritrovato anche una denuncia per maltrattamenti presentata proprio dalla ex moglie.

L’accusa a suo carico è ora di “violenza privata”, che comprende anche i reati di maltrattamenti, danneggiamento e minacce aggravate.  (Milano Today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.