Cesare Nai :”Saremo uniti e costruiremo la piscina.”

Lombardia

Nai viene eletto: che farà nei primi 100 giorni?

<< C’è da ricostruire la macchina comunale per rispondere ai cittadini e imprese. Ho già studiato i Comuni che hanno aggiornato la macchina per essere al passo con i tempi. Poi altre cose concrete: rivediamo la viabilità togliendo la Ztl notturna e ripristinando il doppio senso in corso Italia. E’ un accorgimento banale ma risolve i problema del centro nei giorni di mercato. Poi sulla piscina …>>

Ecco,  parliamo della piscina.

<< Ho già la cordata di imprenditori>>.

Prego?

<<Posso già dire che faremo la piscina. Probabilmente dove ora si trova l’Anna Frank ma in una struttura nuova. Non posso aggiungere altro…>>

E sul Pronto soccorso? Non è stata la sua parte politica in Regione a scegliere di chiuderlo durante la notte?

<<Infatti andrò in Regione. Abbiategrasso deve tornare ad avere il pronto soccorso h24. Chi verrà eletto si dovrà confrontare con i piani alti su questo tema e sarà mia cura farlo>>.

La sua coalizione di centrodestra è larga. Come si tiene unita?

<<Ho dimostrato in questi anni alla Fondazione per Leggere la mia capacità di creare condivisione. Non mi sono proposto io, mi hanno chiesto la disponibilità ad essere il candidato sindaco e subito si sono riuniti tutti attorno a me e al programma. Governeremo uniti, il garante sono io. Ma se non dovessi essere capace di tenere insieme anime diverse mi farò da parte>>.

Vigevano-Malpensa?

<<Dico sì alla strada, sono stato molto chiaro. Magari perderò qualche voto ma bisogna essere sinceri: dire no a questo progetto significa dire no alla circonvallazione e al raddoppio della Milano-Baggio per decenni>>.

Descriva con una parola Finiguerra?

<<Non mi piace questo gioco ma direi che è una persona caparbia e determinata>>.

Capitolo periferie.

<<Di recente sono stato al quartiere Ertos, la maggior parte dei capannoni sono vuoti e maggior parte dei capannoni sono vuoti e in condizioni pietosa: queste aree devono essere trasformate in produttività. In due parole: occupazione e rilancio delle imprese. Con l’aiuto del Comune, che si occuperà di rendere facili le cose>>.

Tre parole, mi dica la prima cosa che le viene in mente: Abbiategrasso, centro storico, Arrara.

<<Centralità, un gioiello da valorizzare. Arrara? Si è impegnato>>.

E sulla cultura?

<Ho progetti interessanti su Palazzo Stampa. Bisogna riportare mostre di qualità in città, almeno una all’anno, e cercare di collaborare con il Magentino e con Vigevano>>.

Il futuro dell’annunciata?

<<Servirà alla cultura e in particolare a chi già svolge attività al suo interno ma ci sarà anche una parte dedicata alla ristorazione. L’importante è che i piatti siano molto chiari con qualsiasi interlocutore; non diciamo addio a Cracco a prescindere>>.

Franceco Pellegatta  (Il Giorno)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.