Ecco perché Fs si è comprata la metro5 di Milano

Milano

Milano 15 Giugno – Ferrovie dello Stato diventa l’azionista di maggioranza di M5 spa, la società che ha in concessione la metropolitana lilla di Milano. Con un investimento di 64,5 milioni di euro, il gigante italiano del trasporto su ferro punta ad aggiungere una pedina nel suo percorso di espansione nel trasporto locale. Le Fs dell’amministratore delegato Renato Mazzoncini hanno spostato il campo della competizione dalle reti ad alta velocità ai mezzi pubblici urbani e al trasporto su gomma. Anche se dopo cinque anni di corsa affannata i concorrenti di Italo sono riusciti a vedere il primo utile a bilancio di 20 milioni di euro ed entro fine faranno entrare in funzione nuovi treni, le Ferrovie ora giocano le loro fiches sul tavolo del trasporto pubblico locale.
Fs, attraverso la controllata Busitalia, ha già in mano i mezzi pubblici di città come Firenze e Padova e anche trasporti che niente hanno a che fare con il ferro, come i traghetti del lago Trasimeno. E di recente ha anche lanciato il guanto della sfida a Flixbus.
Ma la metropolitana 5 di Milano offre un’opportunità in più. Quella di prendere le misure con Atm in vista della gara europea che il Comune di Milano dovrà bandire per affidare la gestione del trasporto pubblico.
Leggi anche: Il gruppo Fs investe negli autobus: Busitalia lancia la sfida a Flixbus
Le Ferrovie hanno rilevato il 36,7% di M5 spa, diventando l’azionista di maggioranza. La società ha acquistato la quasi totalità della quota di Astaldi, il costruttore dell’opera, che ha mantenuto il 2%. Invariate le percentuali degli altri soci: Atm al 20%, Ansaldo Sts al 24,6%, Alstom al 9,4% e Hitachi Rail Italy al 7,6%. Luca Zorloni (Wired)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.