Corvetto: pestarono e rapinarono due giovani gay, 8 arresti in una baby gang

Cronaca

 Milano 10 Maggio –  Pestati a sangue dal branco dopo una serata in discoteca a Milano. Sul web le foto dei loro volti tumefatti avevano fato scalpore.

Quella notte in via Montemartini, zona Porto di Mare, i due protagonisti, Michele e Marcello, di 20 e 25 anni erano stati aggrediti mentre salivano sulla loro auto.

A scatenare il branco, secondo quanto raccontato dai due giovani, sarebbe stato un semplice contatto spalla a spalla tra uno di loro e uno degli aggressori.

Erano così iniziati gli insulti omofobi, fino a quando la gang era passata alle vie di fatto. Mentre le vittime aprivano l’auto, una delle due veniva colpita con una bottigliata in faccia. Gli venivano poi rubati telefono e portafogli, mentre l’altro giovane veniva atterrato con un pugno in pieno volto.

L’amico degli aggrediti non aveva potuto far altro che chiudersi in macchina e chiamare aiuto, mentre lì intorno, racconta, c’erano almeno venti persone che non si sono avvicinate a loro neppure quando gli aggressori si erano già allontanati.

Per avere soccorsi i giovani avevano dovuto attendere che arrivassero i carabinieri e un equipaggio del 118. Le forze dell’ordine hanno ricostruito come il gruppo di giovanissimi, spinti anche da motivazioni omofobe, avevano ingiuriato e colpito i due amici, causando loro lesioni giudicate guaribili rispettivamente in quaranta e trenta giorni. Marcello aveva riportato una frattura scomposta dell’osso frontale della scatola cranica, mentre a Michele era stato rotto il naso e gli erano stati sottratti lo smartphone e il portafoglio.

L’arresto della gang è stato eseguito in zona Corvetto al termine di una complessa attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il tribunale ordinario e da quella presso il tribunale per i minorenni di Milano e condotta dai carabinieri della Stazione Milano – Porta Romana e Vittoria, con il contributo del Nucleo informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.