Degrado, Comitato Greco 2.0: una baraccopoli tra facoltà e banche internazionali

Milano

distributore idrogenoMilano 4 Aprile – Fino a qualche anno fa, sopra all’area dismessa all’angolo fra le vie Boschi e Venosta, proprio all’ingresso del quartiere Bicocca, capeggiava un cartello, con tanto di logo del Comune di Milano, che annunciava la prossima apertura del primo distributore urbano di idrogeno. Probabilmente destinato ad astronavi impegnate in viaggi interstellari. Ora, dove doveva realizzarsi quel progetto è cresciuto un boschetto spontaneo, che cela al suo interno tende, baracche e montagne di spazzatura. – Spiega Alessio Fasano, presidente del Comitato Greco 2.0 – Sarebbe facile ironizzare su come nel giro di un paio di amministrazioni, si sia passati dal futuribile al neolitico, ma la situazione è drammatica e c’è poco da ridere. Uno spazio lasciato in un simile stato di degrado umano e materiale, fra facoltà universitarie e banche internazionali, oltre a gettare discredito unnamed (2)su Milano, va riqualificato e messo in sicurezza al più presto poiché, se lo stesso Assessore al Welfare Pierfrancesco Majorino  prospetta un futuro fatto di immigrati irregolari sparsi per la città, quei ripari di fortuna, ora all’apparenza disabitati, potrebbero presto popolarsi e moltiplicarsi.
Lo abbiamo spiegato più volte, la nostra zona è votata all’accoglienza, inutile elencare di nuovo tutte le associazioni e i centri che vi hanno sede, ma questa deve essere improntata sulla legalità e non portare degrado. Come al solito abbiamo svolto il nostro compito di vigilanza, ora ci attendiamo che le istituzioni assolvano ai loro sanando la situazione.

Comitato Greco 2.0

grecoduepuntozero@gmail.com

https://www.facebook.com/comitatogrecoduepuntozero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.