Si direbbe la rinascita della poesia, con tante novità editoriali

Cultura e spettacolo

Milano 23 Gennaio – Troppe volte, affrettatamente, è stata annunciata la morte della poesia. Il 2017 si apre invece con molte interessanti novità, che vedono protagoniste diverse case editrici –

Il Libraio.it è una testata attenta e sensibile. Proponiamo con piacere l’approfondimeto e le novità sul tema: “Come per il rock, anche nel caso della poesia troppe volte se n’è – affrettatamente – annunciata la morte. Avviene con cadenza periodica. Nella realtà, nuove rock band nascono ogni settimana, così come non passa giorno senza che vengano scritti nuovi versi, più o meno riusciti. Da sempre l’essere umano è predisposto alla poesia, e neppure internet e i social hanno potuto fermare questa necessità, anzi.

Diverso è il discorso se si osserva la situazione dal punto di vista del mercato editoriale: effettivamente negli ultimi anni alcuni importanti editori hanno – o avevano – rallentato la produzione di raccolte di versi, vista la scarsa risposta, in gran parte dei casi, da parte dei lettori (come pure dei media, va aggiunto); ultimamente, però, pare di assistere a un’inversione di tendenza: circa un anno fa, ad esempio, Marcos y Marcos ha avviato una nuova collana, “Le ali”, affidandola al poeta Fabio Pusterla (qui l’intervento dell’editore Claudia Tarolo, che spiega perché nel terzo millennio ha ancora senso pubblicare nuovi poeti).

A proposito di ritrovata vitalità della poesia, il 2017 si apre con la Garzanti – tra i marchi di riferimento per questo genere letterario – che propone Via provinciale di Giampiero Neri che, come ricorda nel testo di copertina Antonio Riccardi, poeta a sua volta, è “autore di un numero esiguo di opere, sempre molto ponderate e necessarie”, e “fin dall’esordio nel 1976 con L’aspetto occidentale del vestito si è imposto per l’originalità dei suoi versi come della sua prosa poetica”. Scrive ancora Riccardi, già direttore letterario della Mondadori e, attualmente, editor della nuova Società Editrice Milanese: “(…) Fedele a se stesso, poi, Neri lo è sempre stato anche nelle scelte di stile. La sua scrittura, sempre sul crinale tra la poesia e la prosa, ha la precisione vertiginosa e inquietante di certa pittura fiamminga”.

E veniamo a Guanda che, come anticipato in un’intervista a ilLibraio.it dal presidente Luigi Brioschi, fa debuttare in questi giorni “una collana di poesia, che si aprirà a titoli nuovi e insieme si alimenterà a uno dei più rilevanti cataloghi di poesia moderna e contemporanea, quello guandiano appunto”. Tra i primi titoli pubblicati (in versione tascabile, con una nuova graficaqui le copertinendr), opere di Séamus Heaney, Pablo NerudaFederico García Lorca, Jacques Prévert, Thomas Bernhard, Charles Bukowski, Yves Bonnefoy, Pier Paolo Pasolini”. La primissima uscita è un inedito del maggior poeta arabo contemporaneo, Adonis, dal titolo La foresta dell’amore in noi.

In casa Rizzoli c’è attesa per il ritorno in libreria di Guido Catalano. Parliamo ormai di un fenomeno “pop” (non a caso anche la tv si è accorta di lui): il 2 febbraio è in uscita Ogni volta che mi baci muore un nazista, “un’antologia di versi che raccontano l’Italia da nord a sud: fidanzate vecchie e nuove, sbronze sotto la luna, dialoghi surreali e trovate esilaranti. Ma anche tanta vita quotidiana, in presa diretta e senza filtri, con l’ispirazione che non arriva, i black-out estivi e un mondo di rondini, muratori e passanti ubriachi, fuori dalla finestra, che si fa beffe del poeta al lavoro”. L’autoironico Catalano, torinese classe ’71, come scrive sul suo sito “a 17 anni decide che vuole diventare una rockstar, più tardi ripiega sulla figura di poeta professionista vivente, che ci sono più posti liberi”.

A differenza di gran parte dei suoi colleghi, i versi di Catalano raggiungono un pubblico ampio e giovane, grazie al passaparola sui social e all’intensa attività di letture in giro per l’Italia.

Quanto a una storica collana come Lo Specchio di Mondadori (“supervisionata” – nell’ambito degli Oscar – dal poeta e scrittore Maurizio Cucchi) nel corso del 2016 sono uscite raccolte come La piuma del Simorgh di Roberto Mussapi e Madre d’inverno di Vivian Lamarque. Sono ben otto le novità in arrivo nei prossimi mesi, tra cui Poesie 1969-2016 di Milo De Angelis e Chilometri da casa di Nicola Vitale.

Da Segrate a via Biancamano: tra le non poche uscite poetiche del 2016 in casa Einaudi, troviamo Osare dire di Cesare Viviani e Animali in versi di Franco Marcoaldi. Anche nella prima parte del 2017 la casa editrice torinese porterà sugli scaffali numerosi libri; in ordine d’uscita, Il prato bianco di Francesco Scarabicchi, Dall’interno della specie di Andrea De Alberti, Mausoleum di Hans Magnus EnzensbergerFatti vivo di Chandra Livia Candiani, Tutto qui di Franco Marcoaldi e Paradossalmente e con affanno di Maurizio Cucchi.

Da Torino ancora a Milano. Nell’anno in cui festeggia il decennale, Chiarelettere il 3 febbraio pubblica la sua prima raccolta di versiCedi la strada agli alberi – Poesie d’amore e di terra del paesologo irpino Franco Arminio, in cui ecologia e desiderio, passioni intime e passioni civili si intrecciano.

“La prima volta non fu quando ci spogliammo
ma qualche giorno prima,
mentre parlavi sotto un albero.
Sentivo zone lontane del mio corpo
che tornavano a casa.”
(Franco Arminio)

Non è finita: da aprile, Sur inizia la pubblicazione dell’opera poetica di Roberto Bolaño  (un libro l’anno per tre anni): ad aprile è in uscit Tre, tradotto da Ilide Carmignani, con prefazione di Andrés Neuman.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.