E’ morta a sessantasei anni Franca Sozzani

Cultura e spettacolo

Milano 23 Dicembre – E’ morta all’età di sessantasei anni, il direttore di Vogue Italia, Franca Sozzani.

La zarina della moda ha perso la sua lunga battaglia contro un male incurabile.

Al timone della rivista dal 1988, Franca ha sovvertito il gusto estetico dettato dal fashion biz, appoggiando servizi fotografici ritenuti spesso oltraggiosi ed osceni.

Nata a Mantova da una famiglia borghese (il padre Gilberto era un ingegnere della Fiat), la carismatica Franca ha vissuto una vita ricca di gioie (la nascita del figlio Francesco Carrozzini e una carriera sfolgorante) e di fallimenti (il divorzio dal marito avvenuto dopo tre mesi dal fatidico si).

Negli anni settanta entra in Vogue Bambino e tredici anni dopo diventa direttore del femminile Lei.

Dopo solo cinque anni, approda in Vogue divenendone direttore, traghettando con audacia il mensile di Condé Nast che, prima del suo ingresso, distribuiva mensilmente solo 140 mila copie.

E’ stata pioniera della bellezza curvy e delle modelle di colore.

Ha lavorato attivamente a favore delle popolazioni del terzo mondo tanto da essere stata nominata, nel 2014, ambasciatrice ONU per il programma alimentare.

Con il progetto Who Is on Next? Franca Sozzani ha aiutato diversi talenti della moda ad emergere in modo significativo.

Ha valorizzato, oltremodo, fotografi oggi famosissimi come Bruce Weber, Peter Lindbergh, Paolo Roversi e Ellen von Unwerth e stilisti ed amici come Gianni Versace e Giorgio Armani.

Con “Franca: Chaos and Creations” Francesco ha reso omaggio alla madre durante la 73° mostra del Cinema di Venezia: un racconto intimo e puro del rapporto che li legava.

Volevo capire come potevo ‘possedere’ in qualche modo almeno un genitore, perché in realtà entrambi sono stati abbastanza sfuggevoli, assenti, anche se mia madre, per carità, è sempre stata super presente e a modo suo ha vissuto la mia infanzia” ha raccontato Carrozzini alla stampa subito dopo la presentazione del documentario.

.

Stefania Carpentieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.