Il Governo Gentiloni incassa la fiducia alla Camera con 368 sì

Economia e Politica

Milano 14 Dicembre – Il governo Gentiloni ottiene la fiducia alla Camera. I voti a favore sono stati 368, 105 i contrari. Ora la palla è al Senato. Il premier nel suo discorso in Aula a Montecitorio ha definito il prorio un governo “di responsabilità” che durerà “fin quando avrà la fiducia del Parlamento”. Gentiloni “rivendica” come un punto di forza quello che altri considerano “un limite”: la continuità con il governo Renzi e il “grande lavoro fatto”. Su due temi proverà a fare di più: il sostegno alla classe media disagiata e il Sud. Ma in Aula va in scena l’Aventino del M5s, della Lega e di Ala: uno spicchio di emiciclo è vuoto. E il premier a loro si rivolge sul finale: “La politica è confronto, non odio o post verità. Chi rappresenta i cittadini non deve diffondere paure”.

OPPOSIZIONI ALL’ATTACCO ANCHE CON STRISCONI IN AULA

Un punto sul quale ritorna anche nella sua replica. “Bisogna farla finita – ha detto Gentiloni – con l’apparentemente inarrestabile escalation di violenza verbale nel nostro dibattito politico. Il Parlamento non è un social network. Contribuiamo a rasserenare il clima nelle famiglie del nostro Paese”. E ancora: “Se c’è stata una cosa davvero bella di questi mesi di campagna referendaria, che a me non sono piaciuti moltissimo, è stata una discussione pubblica sulla Costituzione. Ora non si può fare che la discussione svanisca nel nulla e la costituzione venga dimenticata. Abbiamo i super paladini della centralità del Parlamento che nel momento più importante della vita parlamentare non ci sono. Vi sembra logico: ‘vogliamo talmente bene al Parlamento che non ci andiamo’”.

Il premier ha indicato, poi, nel suo discorso come “priorità delle priorità: lavoro, lavoro e lavoro“. Nel momento in cui l’economia mostra alcuni segni di ripresa – ha detto – certo tutti sappiamo che sono segni iniziali ma vanno incoraggiati. I segnali di ripresa del mercato dei consumi mettono il lavoro al centro”. E’ l’impegno di Paolo Gentiloni sulle priorità del nuovo governo, in replica alla Camera per il voto di fiducia.

Oltre all’agenda del governo – ha detto ancora Gentiloni – “prenderà corpo tra le forze parlamentari un confronto sulla legge elettoraleper la necessaria armonizzazione delle norme tra Camera e Senato, confronto nel quale il governo non sarà attore protagonista, spetta a voi la responsabilità di promuovere e provare a cercare intese efficaci. Certo non staremo alla finestra cercheremo di facilitare e sollecitare”, l’accordo.

“Spetta a me indicare le priorità del governo. La prima è senz’altro l’intervento nelle zone colpite dal terremoto“, dice il premier. “Abbiamo avuto – sottolinea – una risposta straordinaria ma siamo ancora in emergenza e dalla qualità della ricostruzione dipende la qualità del futuro di una parte rilevante del territorio dell’Italia centrale e da questi passi che faremo dipende anche la forza che avremo nel programma a lungo termine su Casa Italia, che interviene sugli elementi più profondi dei danni che vengono provocati dagli eventi sismici nel Paese”.

Il governo si è insediato ufficialmente con il passaggio della campanella tra Renzi e Gentiloni che ha presieduto il primo consiglio dei ministri, dopo il giuramento al Quirinale. Diciotto i ministri, di cui 12 del passato esecutivo confermati.

Gentiloni ha consegnato il discorso a Palazzo Madama dove domani verrà votata la fiducia. “Noi come Lega dopo le dichiarazioni di voto previste per domani mattina, usciremo dall’Aula di Palazzo Madama”. Ad assicurarlo ai giornalisti, al termine della Conferenza dei capigruppo, è il presidente dei senatori della Lega Gian Marco Centinaio. (Ansa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.