M 4, la denuncia dei residenti: “Lavori fino a mezzanotte sotto i nostri balconi”

Milano

Milano 19 Luglio – I residenti di via Dezza protestano per la proverbiale disorganizzazione dei lavori M4, per il rumore, per il disagio ben al di là del sopportabile. Riferisce Repubblica “Lavori durante la notte, al di fuori degli orari consentiti. La denuncia arriva dai residenti di via Dezza – in particolare dal civico 49 – , palazzi davanti a cui i lavori per la realizzazione della stazione sono appena entrati nel vivo. Da qualche giorno a questa parte, spiegano, anche fino a mezzanotte. “Mia madre, 90enne, vive da 50 anni al primo piano – spiega Giovanni Amati – Ci affacciamo direttamente sul cantiere che da qualche mese ha cominciato ad essere operativo. Frese e martelli pneumatici, scavatrici, cingolati e camion articolati rendono impossibile una sopravvivenza civile. Nelle ultime notti i mezzi articolati hanno scaricato materiali pesanti di costruzione fino alla mezzanotte. Alle 7 del mattino poi il cantiere è già operativo e rumoroso con varie ruspe in azione. C’è poi anche un problema di viabilità importante: il giorno che ho dovuto chiamare un taxi ci ha messo più di mezz’ora prima di trovare la strada di accesso, stavo per perdere l’aereo”.lavori M4 via Dezza

Mca dei lavori

La problematica riguarda in particolare questo periodo perché proprio in via Dezza si stanno predisponendo macchinari pronti alla realizzazione delle paratie. Motivo per cui la quantità (e il volume) dei lavori è salito. “In alcune aree è stato previsto un permesso in deroga per lavorare su orario più esteso – spiega Fabio Terragni, presidente di M4 – perché ci sono delle operazioni che vanno fatte a ciclo continuo. Nel caso non fosse così, si tratta di cose che non devono accadere. Su così tanti cantieri aperti può succedere che qualcosa vada storto, in ogni caso verificheremo e controlleremo che i lavori siano stati fatti con tutte le autorizzazioni del caso. In via Dezza come da altre parti”. Dal canto loro i residenti si sono già rivolti ad Arpa per fare in modo che i tecnici dell’agenzia regionale – che si occupa che i cantieri siano in regola – verifichino quello che accade in via Dezza”. Ovviamente è stato inviato un esposto a Palazzo Marino, prima che dall’Arpa possano uscire, ma per ora tutto tace. E la discussa storia della M4 continua a creare disagi. Repubblica osserva “Il malcontento dei residenti è destinato ad aumentare in tutti i quartieri dove sono stati aperti i 40 cantieri di M4. via San VittoreEntro fine mese è previsto lo stop totale alla circolazione – finora rimasta a senso unico – in via San Vittore nel tratto tra via De’ Togni e via Carducci. Questo comporterà anche la deviazione della 94: il bus non potrà più percorrere una parte di via De Amicis ma dovrà girare in via Ariberto, per rientrare poi in via Carducci da via Olona. In via San Vittore residenti e commercianti segnalano disagi da tempo, soprattutto per quanto riguarda le difficoltà per auto e ambulanze nel raggiungere l’ospedale San Giuseppe. Forti disagi previsti anche in centro, dove dovrebbe essere anticipata a settembre la chiusura definitiva di corso Europa”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.