Coro dei Leoni dell’ICS di Via Palmieri, i bambini che cantano in tante lingue diverse

Cronaca

Milano 11 Aprile – Il Coro dei Leoni nasce nel settembre 2013 all’interno dell’IC Statale di via Palmieri per iniziativa di alcune insegnanti e del maestro Andrea Carnevali. Il coro è costituito esclusivamente da alunni della scuola primaria ed è l’unico coro di bambini a Milano a cantare fluentemente in una ventina di lingue straniere. Esso si pone come buona pratica di integrazione attraverso la musica in una zona della città, il quartiere Stadera, ricchissima di culture diverse, ma anche esposta al rischio di fragilità sociale e di conflittualità. Ogni bambino della scuola canta, oltre che nella propria lingua madre, anche in quelle di tutti gli altri: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, rumeno, russo, turco, arabo, ebraico, cinese, hindi, giapponese, coreano, filippino ecc. Questo ha portato inizialmente a una felice scoperta del mondo musicale degli altri e conseguentemente a una straordinaria coesione tra i bambini.

IMG_2738[1]Il Coro dei Leoni si esibisce in formazioni variabili dai 20 ai 350 elementi. Nel maggio 2015 ha cantato per dodici serate presso il Piccolo Teatro di Milano all’interno della pièce di Pascal Rambert “La clôture de l’amour” (che ha vinto in Francia il Premio della Critica 2012, il Palmarès du Théâtre nell’aprile del 2013 e il Grand Prix de la Littérature dramatique nel 2012) ricevendo ampio consenso da parte della critica specializzata. Il coro si esibisce nelle scuole ad alta densità di popolazione straniera come virtuoso esempio di convivenza tra bambini. Si sta anche specializzando nella scrittura e nell’esecuzione di brani di musica rap che poi vengono arrangiati da professionisti del settore musicale: il suo primo brano è ora in registrazione e sarà a breve disponibile su Youtube. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.