Melchiorre Gioia: terribile scontro tra auto e ambulanza, 4 feriti

Cronaca

Milano 25 Febbraio – Un’ambulanza ribaltata sul lato con il portellone aperto. Un’auto distrutta ferma all’incrocio, con gli airbag esplosi. Lamiere e vetri ovunque. I lampeggianti delle ambulanze accesi e i vigili del fuoco al lavoro su quello che è rimasto dei mezzi.

Si presentava così mercoledì mattina poco prima di mezzogiorno via Gioia, zona Porta Nuova, teatro di un gravissimo schianto tra un’auto – una Toyota bianca – e un’ambulanza della croce verde A.p.m., che si è ribaltata finendo la propria corsa ruote all’aria.

Sul posto sono immediatamente intervenute cinque ambulanze e due auto mediche, che hanno prestato i primi soccorsi ai feriti: cinque uomini, dai ventotto ai cinquantanove anni, e un’anziana di ottantotto anni.

In via Gioia, all’incrocio con viale della Liberazione, sono arrivati anche i vigili del fuoco, che hanno rimosso i vetri dell’auto e dell’ambulanza per permettere ai medici di intervenire.

Secondo quanto appreso da MilanoToday, l’ambulanza di A.p.m. viaggiava in emergenza ed era diretta al vicino ospedale Fatebenfratelli con a bordo una paziente di ottantotto anni, un suo parente – che ha rifiutato il ricovero – e tre soccorritori. Ad avere la peggio sono state proprio le persone a bordo dell’ambulanza: un uomo e l’anziana sono finiti al Fatebenfratelli in codice giallo, mentre altri due ragazzi sono stati portati in codice verde in Città studi.

Al momento non è ancora chiara la dinamica dell’incidente. Gli agenti della polizia locale di Milano hanno svolto i rilievi del caso per ricostruire la dinamica e hanno ascoltato il ragazzo alla guida della Toyota, visibilmente sotto choc.

Un tratto di strada di via Gioia, quello che porta verso il centro città, è stato chiuso per permettere i soccorsi. Pesanti, inevitabilmente, le ripercussioni sul traffico. (MilanoToday)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.