Giornata della Memoria: tre maestri del fumetto raccontano la tragedia dello sterminio

Cultura e spettacolo

Milano 19 Gennaio – In occasione della Giornata della Memoria 2016, la Galleria Civica di Monza presenta tre maestri del fumetto internazionale capaci di raccontare per immagini lo sterminio programmato di interi popoli.

I Fumetti della Memoria – Scenari di sterminio” è il titolo della mostra a ingresso libero che si apre sabato 23 gennaio, dedicata ad alcune pagine selezionate di tre graphic novel di successo: Maus di Art Spiegelman che racconta l’orrore di campi di concentramento attraverso i ricordi del padre dell’autore, Valzer con Bashir – Una storia di guerra di Ari Folman e David Polonsky dedicata al massacro nei campi profughi palestinesi di Sabra e Chatila del 1982, e Il Complotto – La storia segreta dei protocolli dei Savi di Sion di Will Eisner.

Valzer con Bashir di Ari Folman e David Polonsky

Tre stili molto diversi in grado di raccontare attraverso il fumetto l’orrore dello sterminio, non solo nazista, rendendo comprensibili e fruibili contenuti complessi: il contesto storico-ambientale, le implicazioni psicologiche, le contraddizioni e le motivazioni della realtà..

Aperta fino al 21 febbraio 2016, l’esposizione propone riproduzioni delle pagine più belle e coinvolgenti di ogni fumetto, oltre a uno spazio dedicato a “La neve era bianca”, racconto per immagini di Elena Mistrello dedicato alla fucilazione di tre partigiani monzesi.

Durante il periodo della mostra sono previsti laboratori di fumetto rivolti alle scuole, condotti dalle disegnatrici professioniste Lola Airaghi e Roberta Sottile.

Inaugurazione sabato 23 gennaio 2016 alle ore 11, con Francesca Dell’Aquila, assessore alla Cultura del comune di Monza, Rosario Montalbano, assessore all’Istruzione, e Luigi Bona, presidente della Fondazione Franco Fossati. Saranno presenti anche le disegnatrici Elena Mistrello, Lola Airaghi e Roberta Sottile.

Per informazioni: mostre@comune.monza.it oppure 039/366381

Ingresso libero

Veronica Monaco (Milanoweekend)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.