Prozac per curare la sindrome di Down: al via i test in Usa e in Italia

Scienza e Salute

Milano 17 Gennaio – Il Prozac, il popolare antidepressivo, potrebbe trovare un nuovo impiego contro la sindrome di Down. Diversi studi hanno mostrato che il farmaco ha effetti positivi sul cervello di topi con la malattia. E diversi genitori l’hanno dato ai propri figli, condividendo evidenze aneddotiche di qualche beneficio. Una risposta potrebbe arrivare ora da uno studio scientifico, il primo del genere, a cura dell’University of Texas Southwestern Medical Center a Dallas, che a breve arruolerà donne incinte. I feti hanno già avuto la diagnosi di sindrome di Down, e l‘obiettivo dei ricercatori è verificare se il Prozac riuscirà a evitare che i bimbi nascano con i sintomi o migliorare lo sviluppo cerebrale e ridurre gli effetti della malattia.retro-prozac-videoSixteenByNine1050

La ricerca è stata co-finanziata da Paul Watson, un pilota americano, padre di un ragazzo 14enne con la sindrome di Down. Lo stesso Watson ha raccontato a ‘Mit Technology Review’ (la rivista del Mit) di aver dato il farmaco anti-depressivo al figlio per 3 anni, con buoni risultati a livello cognitivo.

Alla fine del mese i medici arruoleranno 21 donne, di cui 14 riceveranno il Prozac e le altre placebo. Dopo la nascita, i bimbi continueranno ad assumere la pillola fino ai 2 anni, con valutazioni regolari.

Watson non è il solo genitore a dare il Prozac al figlio nel tentativo di combattere la sindrome di Down, nota anche cometrisomia 21, per la presenza di un’extra copia del cromosoma 21. Secondo le associazioni di familiari, circa 200 bambini con la malattia negli Usa prendono il farmaco a base di fluoxetina per migliorare la funzionalità cerebrale. Anche oltreoceano si sta facendo largo la tesi che l’antidepressivo possa funzionare contro la sindrome di Down.

Lo studio pilota non dispone ancora dei numeri sufficienti per dare una risposta definitiva, ma se i risultati sono promettenti, la ricerca si allargherà ad altri ospedali, annuncia a ‘Mit Technology Review’ a capo del dipartimento di psichiatria dell’università di Dallas e principale autore dello studio. Anche lei, come Watson, ha un interesse personale nella ricerca, la sorella con sindrome di Down, morta ad appena 20 anni.

La fluoxetina agisce aumentando i livelli di serotonina, un neurotrasmettirore che ha un ruolo importante nella regolazione dell’umore, ma anche nella formazione dei neuroni durante lo sviluppo cerebrale. Aumentando la serotonina durante la gravidanza, i piccoli con diagnosi di sindrome di Down potrebbero nascere con un cervello più vicino a uno in grado di funzionare normalmente, è la tesi dei ricercatori.

Una tesi in cui crede anche l’italiana Renata Bartesaghi, professore associato al Dipartimento di scienze biomediche e neuromotorie dell’università di Bologna, che nel 2014 ha pubblicato uno studio sugli effetti del Prozac in topi in gravidanza. I cuccioli sono nati con un numero normale di neuroni. In Italia non è stato possibile testare il farmaco in gravidanza, ma Bartesaghi lo sperimenterà in un gruppo di bambini con sindrome di Down. (Adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.