No all’opera “La mela reintegrata” di Pistoletto davanti alla Stazione Centrale

Milano

Milano 8 Ottobre – Siamo assolutamente contrari – commentano Silvia Sardone, membro della segreteria regionale di Forza Italia e Marzio Nava, capogruppo di Forza Italia in zona 2 – all’ipotesi di posizionare l’opera “La mela reintegrata” di Michelangelo Pistoletto di fronte alla Stazione Centrale, in Piazza Duca d’Aosta.
L’opera (formata da una struttura metallica e coperta da un tappeto di erba naturale) era stata posizionata, temporaneamente, in Piazza Duomo a inizio maggio (dove tra l’altro, già dopo poche settimane, risultava rinsecchita e spelacchiata a causa del gran caldo)
L’autore avrebbe chiesto esclusivamente questa posizione per l’opera donata al Comune e Palazzo Marino pare abbia dato il suo benestare.
Il Consiglio di Zona ha ieri dato parere negativo a questa ipotesi ponendosi in netto contrasto con il Comune; la nostra presa di posizione nasce dall’imponenza dell’opera (alta otto metri e larga sette metri) che andrebbe a ostruire la visuale, tanto apprezzata da milanesi e turisti, della Stazione guardando da Via Vittor Pisani.
Non si entra nel merito dell’opera ma risulta piuttosto evidente che la posizione scelta non sia ideale per un’installazione così grande che sarebbe meglio portare in un altro luogo, magari in uno dei tanti parchi in città.

unnamed
Spiace constatare che il Comune abbia completamente scavalcato il Consiglio di Zona dando un primo sì senza consultare chi conosce meglio il territorio e allo stesso tempo dispiace evidenziare l’atteggiamento poco elastico dell’artista che non vuole ipotizzare posizioni alternative. Ieri in aula, salvo pochi sì della maggioranza, è stato votato un parere negativo al posizionamento di quest’opera davanti alla Stazione Centrale.
Sollecitiamo il Comune a pensare maggiormente al degrado delle piazze intorno alla Stazione, ai bivacchi continui nei giardini, al suk commerciale abusivo in stazione, ai delinquenti che stazionano nell’area della Centrale piuttosto che intestardirsi su questa scelta sconveniente per il luogo scelto. Speriamo che non vogliano continuare su questa strada, ribadendo l’errore simile fatto con “Il teatro continuo” di Burri posizionato nel Parco Sempione e tanto osteggiato dai cittadini proprio perchè ostruisce la visuale dell’Arco della Pace.

Di seguito foto dell’opera (anche nel momento in cui era secca) quando è stata posizionata di fronte al Duomo e deliberazione del consiglio di zona 2,

mela3

MilanoPost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.