Sfida tra poeti e raccolta fondi sul web  per riportare in Italia il campionato di poetry slam

Cultura e spettacolo

Milano 6 Ottobre – Poesia e solidarietà. Una raccolta fondi su internet per riorganizzare anche in Italia (come già avviene in Francia, Germania e Spagna) un campionato nazionale di poetry slam, una competizione orale tra poeti nella quale il pubblico designa il vincitore. immagine-webMa non solo: i finanziamenti donati serviranno anche per pubblicare il primo album di poetry slam italiano, con le performance di poeti, scrittori e musicisti del calibro di Lello Voce, Guido Catalano, Frank Nemola, Mastino, Kento, Eell Shous e Paolo Agrati. L’iniziativa non profit è stata lanciata dalla Lega italiana poetry slam (Lips), nata a Trieste nel 2013 e impegnata nel promuovere la poesia italiana e i suoi autori contemporanei. La Lips raccoglie i fondi con un’operazione di crowdfunding sul sito web www.musicraiser.com/it/projects/4611-slam-it-aa-vv. Spiega Davide Passoni, coordinatore del movimento lombardo del poetry slam: «Da più di un decennio in Europa il poetry slam è diventato un vero e proprio fenomeno socio-culturale, in America è materia di studio nelle università, tanto che anche attori e comici di fama mondiale ne hanno scritto delle caricature. Esistono campionati mondiali ed europei. E l’Italia in tutto ciò dov’è? Nel nostro Paese il fenomeno viene diffuso a fatica. Per questo motivo abbiamo lanciato questa raccolta fondi per realizzare il primo album e indire il primo campionato nazionale di poetry slam».

Paolo Marelli (Corriere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.