Via Adriano, nuovo episodio di criminalità in zona: troppi edifici occupati e insediamenti rom. Comune assente.

Milano

Milano 23 Agosto – I fatti di cronaca riportano l’attenzione sulla situazione di degrado nel quartiere Adriano che da tempo denuncio e che purtroppo viene sottovalutata dal Comune. L’arresto ieri di un rom in Via Adriano, con numerosi precedenti penali e accusato di aggressione e rapina ai danni di una donna, è sfociato quasi una rissa, con un gruppo numeroso di altri rom che hanno opposto resistenza alle forze dell’ordine che stavano portando a termine la presa in custodia del sospetto.

L’episodio fa inoltre riferimento agli stabili, da tempo occupati, in Via Adriano dove circa un anno fu ucciso un marocchino da un connazionale. adriano Questi edifici sono da tempo occupati e sono preda di sbandati e veri e propri delinquenti come in questo caso. Da tempo segnalo che l’accesso a questi palazzi sono perennemente aperti e che il Comune non si attiva per metterli in sicurezza, nonostante i fatti di cronaca e la preoccupazione dei cittadini della zona.
Il quartiere Adriano è da tempo luogo di degrado e insicurezza e infatti da tempo ho avviato una raccolta firme che ormai ha quasi raggiunto un migliaio di adesioni. I cittadini sono stanchi della scarsa attenzione del Comune su questi temi. Ci sono numerosi edifici abbandonati e quindi occupati, insediamenti rom, scippi e furti in appartamenti. Servirebbero più telecamere di videosorveglianza, presidi fissi delle forze dell’ordine, più volanti, un ritorno costante del pattugliamento dell’esercito e sgomberi frequenti degli edifici occupati.
Silenzio assoluto dall’amministrazione che si conferma responsabile dell’abbandono delle periferie

firma sardone
Silvia Sardone In allegato notizia di cronaca a cui si fa riferimento

VIA ADRIANO, AGGREDITA E RAPINATA RICONOSCE AUTORE E LO FA ARRESTARE

Milano, 21 AGO – Arrestato ieri alle 19 in via Adriano un pregiudicato 40enne romeno con precedenti riconosciuto da una connazionale 24enne rapinata quattro giorni fa di 400 euro. La donna alloggia in via Adriano al civico 62 in uno stabile occupato da rom. Ieri sera ha chiamato la Polizia riconoscendo tra i presenti il suo aggressore e indicandone nome e cognome. I due il 17 agosto scorso avevano trascorso una notte assieme, dopo un rapporto sessuale consumato lui aveva preteso che lei diventasse disponibile a prestazioni sessuali su sua richiesta, ne era nato un litigio degenerato in aggressione. Intervenuti sul posto gli agenti non avevano trovato l’uomo, fuggito con 400 euro, e la donna era stata soccorsa per ferite da taglio al volto e al collo considerate guaribili in 10 giorni. Quando gli agenti di Polizia sono intervenuti ieri sono stati accolti da un gruppo di 6/7 rom che hanno opposto resistenza all’arresto del 40enne, Sali C. , con precedenti per maltrattamento e per rapina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.