Ermenegildo Zegna, Antonio Tajani e Carlo Capasa

Nell’agenda di governo anche la moda. Approvato protocollo d’intesa

Attualità

“La moda è la seconda industria in Italia con oltre 100 miliardi di fatturato, di cui 90 di esportazioni e questo incontro, particolarmente sentito da parte della Camera Nazionale della Moda Italiana, può segnare l’inizio di un percorso condiviso per consolidare le sinergie tra Cnmi, il Ministero degli Affari Esteri e il Governo”. Con queste parole Carlo Capasa ha accolto ieri Antonio Tajani, ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, all’interno della sede milanese della Camera Nazionale della Moda Italia che presiede. All’incontro erano inoltre presenti anche l’ambasciatore Francesco Genuardi, capo di Gabinetto del Ministro e Ermenegildo Zegna, presidente e CEO del Gruppo Ermenegildo Zegna e membro del Comitato Strategico di Cnmi.

È stato presentato il protocollo d’intesa proposto da Cnmi. Il ministro Tajani, che si è espresso con soddisfazione, ha assicurato che verrà messo allo studio immediatamente. Capasa ha anche menzionato l’importanza di istituire un Advisory committee per lavorare sinergicamente e strategicamente tra pubblico e privato. Altra tematica dell’incontro quella di tracciare un percorso di internazionalizzazione rivolto alle aziende ed ai mercati. “Apprezzando lo sforzo che lei, ministro, ed il governo tutto, portate avanti, vorrei sottolineare quanto sia fondamentale rafforzare le attività legate all’internazionalizzazione delle aziende italiane al fine di facilitare le relazioni dei nostri marchi con le istituzioni straniere”, ha dichiarato Capasa.

“Negli incontri di questa mattina abbiamo concordato di organizzare gli ‘Stati Generali dell’Export Moda’ molto presto a Roma, a Villa Madama: ci saranno tutti i produttori della moda, per dare un segnale forte della collaborazione strutturale tra il Governo e questo settore strategico”, ha detto il ministro degli Esteri.

Il ministro ha menzionato delle occasioni di incontro e networking ulteriori, in cui rafforzare queste relazioni, la partecipazione a Business Forum o Giornate dell’Export in qualità di relatori e ha proposto, come occasione di promozione, l’organizzazione di eventi dedicati alla moda italiana all’interno delle ambasciate estere. Sempre in tema di internazionalizzazione e relazioni con i mercati esteri Capasa ha illustrato al Ministro Tajani le attività europee di Cnmi legate alla sostenibilità.

Il meeting è proseguito con una overview sulle possibili misure di contrasto alla contraffazione e ai mercati non regolamentati che sviluppano concorrenza sleale a chi regolarmente produce in Italia. “Nonostante alcune norme positive contenute nella legge sul made in Italy, ci sono ancora ampi spazi di miglioramento su questo tema che resta essenziale per chi lavora nel settore”, ha fatto presente il presidente di Cnmi.

Durante l’incontro è emerso, inoltre  la necessità di aumentare la collaborazione fra Guardia di Finanza e Autorità portuali per tracciare le merci in entrata ed in uscita dai porti al fine di sequestrare i prodotti falsificati. Il ministro Tajani ha ribadito l’importanza della lotta alla contraffazione che reputa priorità del governo. In chiusura è stata affrontata la tematica della formazione che è necessaria per rafforzare la filiera di un mercato che esporta il 90% dei propri prodotti all’estero e necessita di tenere alta la propria competitività.

(Pambianco news)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.