“E daj cont sto chez-nous”… l’ironia di Carlo Porta sui francesi

Milano Vecchia Milano

Vorevi ringrazià l’amis Ambrogio Fumagalli che l’ha pubblicaa on sonett del Porta che l’è minga tròpp facil de comprend. Mì hoo provaa a voltall in italiano, per cercà de capì còssa el voreva dì. El risultaa l’è quest. Chell sonett chì del Porta el podaria datass intorna al 1814, prima del Congress de Vienna del 1815 che, grazie alla Restaurazion, l’aveva portà de nœuv l’Austria in Italia. Ma in del 1814 in Italia gh’era anmò el Regn d’Italia de Napoleon Bonaparte e quindi i frances. Lù senz’alter ghe l’ha su cont on quei funzionari frances on poo malnatt al servizi del Bonaparte. Con tutta probabilità el funzionari el seguitava a vantà la coltura, la gent, la civiltà francesa a dispètt de la nòstra con tanti paròl ch’el finiva de vèss come l’erba bettònega. Perciò el nòster ghe ne dis adree per i porscèi. Leggìll e divertivess tucc!

E daj cont sto chez-nous…

E daj cont sto chez-nous: ma sanguanon!

Subet ch’el gh’ha sta gran cuccagna in Franza,

ghe va tant a andà foeura di cojon

e a tornà a cà a godella sta bondanza?

In quant a nun, s’el ne usa st’attenzion,

in contrassegn de grata regordanza

el scassem subet giò del tabellon

di balloss e di porch senza creanza.

Anzi, ch’el varda, vuj ch’el preghem fina

de no fa olter quand el riva a cà

che parlà maa de nun sira e mattina.

Inscì al manch podaravem lusingass

Che paricc finalment, dandegh a trà,

barattassen el sit d’andà a seccass.

 

TRADUZION:

E dagli con questo chez-nous: ma accidenti!

Visto che ha questa gran cuccagna in Francia,

ci vuol così tanto ad andare fuori dai coglioni

e a tornare a casa a godersela questa abbondanza?

In quanto a noi, se lei ci usa questa attenzione,

in cambio di un nostro gradito ricordo

la cancelliamo subito giù dal tabellone

dei furbacchioni e dei porci senza creanza.

Anzi, guardi, vogliamo persino pregarla

di non fare altro, quando arriva a casa,

che parlare male di noi sera e mattina.

Così almeno potremmo lusingarci

che parecchi finalmente, dandole retta,

cambino il luogo dove andare a seccarsi.

 

(Fulvio Pettoni da El Noster grup)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.