MilanoPost procedimenti in corso

Milano, pusher si giustifica: «Guadagno 600 euro, non mi bastano». E la giudice gli dà un’altra chance

Cronaca

Quando si è trovato di fronte alla giudice non ha esitato a dire la verità, e ha confessato: «È vero, avevo sette dosi di cocaina, me le hanno date delle persone straniere. È vero, ho ceduto un involucro a un giovane di cui non conosco il nome. Mi aveva dato quaranta euro. Il resto della cocaina? Volevo venderla ad altri, io non ne faccio uso», ha raccontato il giovane, secondo quanto riferisce Repubblica. La magistrata gli ha quindi chiesto i motivi per cui ha iniziato a spacciare. «Ho una paga normale, non sono un operaio qualificato. Prendo qualcosa ma non mi basta. Non arrivo a 600 euro. Lo faccio solo da qualche mese. La mia ragazza guadagna gli stessi soldi, viviamo insieme a casa dei suoi genitori», ha risposto il 26enne. La giudice ha spiegato così la sua decisione: «Ha confessato, un po’ di autocritica l’ha fatta e questo lascia sperare che sia l’ultima volta. Per mia abitudine, la prima volta si cerca di andare incontro alla persona. Lei ha 26 anni, è giovane, se comincia e continua con lo spaccio non ne esce. Non sprechi questa possibilità». Il ragazzo dovrà comunque affrontare una nuova udienza a luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.