Non c’è emergenza che tenga. Sala conferma Imu ai massimi pure nel 2020

Milano
Milano è il Comune più tassatore d’Italia, ha spremuto lo scorso anno 1,4 miliardi di euro dai contribuenti Milanesi. Ieri il Consiglio Comunale ha deciso di mantenere l’Imu invariata, cioè alle aliquote massime nonostante l’emergenza Covid abbia stravolto il valore di attività commerciali e i bilanci di tante imprese.
Forza Italia ha proposto  di applicare l’aliquota Imu minima agli immobili strumentali di imprese ed esercizi pubblici e commerciali per salvare i bilanci di imprese e negozi che danno lavoro a tanti milanesi.
Si poteva ad esempio abbassare l’Imu  a chi accettava di rivedere i canoni di affitto 2020. Oppure prevedere, come la Legge consente di stabilire ai Comuni, di concedere  l’esenzione a chi dà un locale in comodato gratuito ad enti pubblici, come è il caso di un oratorio che presta i locali al Comune per una materna.
 Niente da fare. La cultura anti privato che permea la sinistra milanese è  contraria ad usare la leva fiscale per aiutare le imprese e il lavoro, subito e con semplicità.  Loro amano fare i bandi, decidere chi aiutare e distribuire le risorse quando oramai è troppo tardi e le imprese sono fallite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.