Catella si allarga e prende un immobile in Ripamonti

Milano

COIMA SGR, leader nella gestione patrimoniale di fondi di investimento per conto di investitori istituzionali, ha rilevato da Camuzzi Spa un immobile a Milano in via Ripamonti 85, di fronte allo scalo dismesso di Porta Romana in prossimità di Fondazione Prada e della sede del gruppo Boehringer-Ingelheim. Lo Scalo, a valle dell’Accordo di Programma recentemente siglato fra il Comune di Milano e il Gruppo Ferrovie dello Stato, con i suoi 217.000 mq sarà oggetto di un importante processo di rigenerazione nel corso dei prossimi anni. L’immobile, la cui acquisizione è avvenuta attraverso il Fondo COIMA Core Fund 1, ha una superficie di 12.300 mq lordi – 7.900 mq commerciali, ed è locato per circa il 50% a DAIKIN (7anni + 6). La strategia di investimento prevede un piano di ristrutturazione degli spazi sfitti e la locazione degli stessi. Nell’operazione, COIMA SGR è stata assistita dagli studi Inzaghi Belvedere & Partners per gli aspetti urbanistici e amministrativi, GVA Redilco per gli aspetti commerciali, Grimaldi per gli aspetti legali, LED TAXAND per gli aspetti fiscali e REAAS per gli aspetti tecnici. Nell’ambito dei progetti inerenti le riqualificazioni degli scali ferroviari milanesi, a luglio 2018 COIMA SGR ha rilevato dal Fondo Olimpia Investment, gestito da Savills IM SGR, l’area Valtellina, porzione strategica dello Scalo Farini adiacente a Porta Nuova, che rientra nel programma di riqualificazione urbana dei sette scali ferroviari promosso dal Comune di Milano e dalle Ferrovie dello Stato Italiane SpA. L’area, la cui acquisizione è stata promossa attraverso il nuovo Fondo dedicato COIMA Mistral, comprende una superficie di circa 60.000 mq adiacente a Via Valtellina. Unico conduttore fino a dicembre 2022 è l’Agenzia del Demanio, con spazi occupati dalla Guardia di Finanza e dalla Agenzia delle Dogane. A ottobre 2018, COIMA SGR e FS Sistemi Urbani (Gruppo FS Italiane) hanno bandito il “Concorso Farini”, gara internazionale con oggetto la redazione del Masterplan di rigenerazione degli scali ferroviari dismessi di Farini e San Cristoforo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.