Un discorso a testa alta e schiena dritta, quello della Gelmini

Economia e Politica

Un discorso a testa alta e schiena dritta, quello della Gelmini alla Camera nel giorno della fiducia. L’aspettativa che così fosse e dovesse essere era nell’aria, per ribadire i valori e le idee di un partito offeso e ferito da un qualunquismo che si veste di populisno becero e di convenienza. Un populismo che non è “ascoltare il popolo”, ma inebriarsi con slogan che fanno godere la pancia del popolo. E la pancia è la logica di quel vaffan..che ha cambiato la politica. Un Governo di compromessi reiterati, di mezze verità, di tanto fumo: sull’arrosto si vedrà.

Forza Italia voterà convintamente contro la fiducia“, ha detto Mariastella Gelmini, “La nostra non sarà un’opposizione ideologica e preconcetta. Noi come opposizione non faremo sconti, ma saremo sempre in prima linea per difendere gli interessi del Paese. La campagna elettorale è finita, il tempo della propaganda, degli slogan, delle dirette su Facebook è finito“. Forza Italia è altro, chiarisce ancora L’esecutivo Conte “non è il governo scelto dagli italiani, di cui l’Italia ha bisogno, il vostro rappresenta un compromesso tra due programmi diversi…”Il nostro giudizio a valle della lettura del contratto e delle parole da lei pronunciate è severo. Siamo preoccupati, abbiamo ascoltato un discorso intriso di pauperismo e giustizialismo. Si è presentato come l’avvocato degli italiani, non vorremmo che con il suo governo gli italiani diventassero presunti colpevoli“. Lei – ha proseguito – si è presentato come il garante della realizzazione del contratto, ma la costituzione le assegna poteri ben maggiori”. Orgoglio e consapevolezza “Su come si deve stare in Europa con la schiena dritta – ha poi osservato – non accettiamo lezioni, il nostro governo è andato a casa prima di accettare il commissariamento economico“. E al capo della Lega “”Salvini è stato un abile leader della Lega, ma non è stato, come invece Berlusconi, un leader unificante del centrodestra, sta a Salvini cercare di ricomporre questa frattura“.

Per ora Salvini è guidato da un’ambizione personale che anche Maroni non approva, ma sentirsi  un Demiurgo portatore assoluto della verità non è rispettoso della sensibilità degli (ex?) alleati. Un discorso chiaro che riafferma l’identità dei partiti della coalizione.

1 thought on “Un discorso a testa alta e schiena dritta, quello della Gelmini

  1. E’ vero sig.ra Nene un bel discorso da parte della Gelmini è piaciuto a molti, ma i discorsi rimangono tali se nessuno poi li appoggia, o no? Non dimentichiamoci, inoltre, che se questo governo è nato, è nato anche perchè da parte di F.I.è stato dato il via a Salvini….
    Conoscendo i suoi “polli” che sono estremi per natura cosa si aspettava Berlusconi, rispetto?
    Non gli sono bastate le esperienze precedenti dei suoi finti amici politici?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.