Il treno della paura: rapine e aggressioni ai pendolari sulla Milano-Lecco, 5 denunciati

Cronaca

Milano 2 Febbraio – Sono stati catturati dai Reparti dipendenti del Comando Provinciale Carabinieri di Lecco, nei giorni scorsi, i colpevoli delle quattro rapine commesse su treni della linea Trenord in transito lungo la tratta Milano-Lecco, che hanno causato svariati danni agli utenti; avvicinati con un pretesto da più persone, venivano poi colpiti fisicamente o minacciati al fine di privarli di effetti personali o denaro contante, come riportato anche nell’inchiesta del Corriere della Sera.

Le attività d’indagine coordinate dal Comando Provinciale e condotte dai Carabinieri delle Compagnie di Lecco e Merate hanno permesso di denunciare in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria i responsabili delle rapine, nello specifico due giovani, un 19enne ed un 20enne, entrambi nati in Marocco, residenti in provincia di Lecco, per l’episodio del 25 gennaio; un 19enne nato in Libano, residente in provincia di Lecco ed un minore, originario del Marocco, residente in provincia di Sondrio, per la rapina del 31 gennaio; un 20enne nato nel Burkina Faso, residente in provincia di Lecco ed il predetto minore residente in provincia di Sondrio per i due episodi commessi il 29 gennaio in Lecco ed Airuno.

Gli episodi: il 25 gennaio 2018 un giovane tunisino è stato colpito con calci e pugni da due persone e privato di monili e denaro contante nei pressi della Stazione FF.SS. di Lecco; il 29 gennaio 2018, alle ore 23 circa, due giovani studenti sono stati rapinati all’altezza della Stazione FF.SS. in Airuno da due stranieri che si facevano consegnare denaro contante; sempre il 29 gennaio 2018, alle ore 22:00, in Lecco un pensionato è stato affrontato da un giovane parzialmente travisato che ha tentato di rapinarlo per poi desistere alla reazione della vittima; il 31 gennaio 2018, un giovane italiano è stato affrontato da due persone e privato di denaro contante lungo la tratta Calolziocorte – Lecco Maggianico.  (Milanotoday)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.