Il buco nell’ozono inizia a “guarire”

Economia e Politica

Milano 7 Luglio – Per la prima volta ci sono evidenze scientifiche concrete di un minore assottigliamento dello strato di ozono sopra all’Antartide.

Il buco nell’ozono sopra all’Antartide inizia a “guarire”: a settembre 2015 era circa 4 milioni di km quadrati più piccolo di quanto fosse nel 2000. Lo attesta uno studio del Massachusetts Institute of Technology e National Centre for Atmospheric Science pubblicato su Science.

I progressi sono dovuti alle decise limitazioni sull’uso di clorofluorocarburi (CFC), composti chimici un tempo impiegati nelle bombolette spray e nei fluidi refrigeranti che contribuiscono alla distruzione dell’ozono stratosferico, incaricato di proteggerci dalle radiazioni ultraviolette. Nel 1987, con il protocollo di Montreal, sono stati banditi in particolare quelli contenenti cloro e bromo.

INVERSIONE DI TENDENZA. Queste molecole persistono in atmosfera per 50-100 anni, ma i primi effetti concreti della loro diminuzione si iniziano a vedere. A constatarlo è stata Susan Solomon, la stessa scienziata che nel 1986 aveva stabilito la loro pericolosità. Le analisi sono state condotte con palloni meteorologici, satelliti e simulazioni teoriche nel mese (settembre) in cui torna la primavera al polo sud.

CATALIZZATORI. La luce e il freddo antartici incoraggiano la formazione di nubi polari stratosferiche, sulla superficie delle quali avvengono le reazioni chimiche alla base del rilascio del cloro. Settembre è quindi teoricamente il mese peggiore per il buco nello strato di ozono, ma i risultati sono finalmente incoraggianti.

Il fatto che a ottobre 2015 il buco nell’ozono avesse invece raggiunto dimensioni record sarebbe invece imputabile allo zolfo rilasciato da eruzioni vulcaniche, in particolare quella del Calbuco, in Cile. (Focus)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.