Il Cardinale Scola “Distribuire i profughi in piccoli gruppi nelle parrocchie”

Approfondimenti Società

Milano 30 Luglio – “Distribuire i profughi e i rifugiati politici “in piccoli gruppi in ogni parrocchia” della Diocesi ambrosiana, in appartamenti o strutture liberi, delle parrocchie, degli istituti religiosi o messi a disposizione da fedeli. E’ la proposta presentata da Caritas e dall’arcivescovo Angelo Scola, oggi a Casa Suraya per incontrare il centinaio di profughi, soprattutto siriani, che vi sono ospitati. “E’ la scelta piu’ intelligente – ha detto Scola – per mettere ordine a un fenomeno che ormai e’ strutturale: piccoli numeri all’interno di ogni singola realta’ di paese”. L’idea del coinvolgimento di tutte le parrocchie ambrosiane e’ stata presentata dal direttore e dal vicedirettore di Caritas Ambrosiana, don Roberto Davanzo e Luciano Gualzetti, e fatta propria e sostenuta da Scola. Dal cardinale, poi, una riflessione sulla città:  “Milano e’ una metropoli. Senza fare odiosi confronti con altre citta’ italiane, compresa la nostra capitale – ha detto Scola – certamente sono tanti i segni di risveglio della citta’. Non dobbiamo stare a pesare con il bilancino quanto Expo sia causa di questo. Certamente ha dei meriti e anche i suoi limiti, ma se come cittadini milanesi non prendiamo coscienza di questa nuova responsabilita’ che ce ne viene, per il Paese, per l’Europa e per il mondo, questi germi di novita’ bruceranno alla prima gelata”, ha detto Scola sottolineando la necessità di assumersi ciascuno la “condivisione dei bisogni”. (Omni Milano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.