Grave poliziotto accoltellato a Milano

Stazione Lambrate, grave poliziotto accoltellato da straniero alla schiena

Cronaca

In forte stato di alterazione ha iniziato a lanciare sassi contro treni e passeggeri in attesa sui binari della stazione di Lambrate e ha accoltellato gravemente un poliziotto intervenuto per fermarlo.

E’ accaduto intorno a mezzanotte quando la Polizia Ferroviaria ha richiesto l’intervento delle volanti della Questura di Milano per bloccare un marocchino irregolare 37enne, con numerosi alias in banca dati e precedenti per reati contro le persone e il patrimonio e resistenza a pubblico ufficiale. Giunti sul posto gli agenti della Questura hanno tentato di bloccare l’uomo con il taser ma senza esito per via dello spesso giubbotto che indossava. A quel punto il 37enne ha estratto un coltello con una lama di 25 centimetri , e nella colluttazione con gli agenti, ha accoltellato con tre fendenti alla schiena il vice ispettore Christian Di Martino, di 35 anni, che è poi stato trasportato in codice rosso all’ospedale Niguarda dove è stato operato d’urgenza per la lesione di alcuni organi. Dopo l’intervento il vice ispettore è stato trasferito in terapia intensiva in prognosi riservata e resta in gravissime condizioni.

Il 37enne è stato arrestato e trasferito nel carcere di San Vittore e una donna italiana 55enne colpita alla testa dal lancio di sassi è stata trasportata in codice verde all’ospedale Fatebenefratelli.

«Quanto è accaduto stanotte a Lambrate è un episodio gravissimo che riporta ancora una volta alla ribalta il problema sicurezza a Milano, in particolar modo, nelle stazioni e nelle aree limitrofe. È necessario un drastico giro di vite su questi sbandati, perlopiù immigrati irregolari, che non hanno nulla da perdere e non esitano ad estrarre il coltello per aggredire chiunque. Alla luce anche degli episodi delle scorse settimane, è preoccupante che così tante persone girino armate di coltello». Sono le parole di Romano La Russa, assessore regionale alla Sicurezza «Alla famiglia del poliziotto aggredito, ai colleghi feriti e a tutta la Polizia rivolgo la mia solidarietà e la mia sincera e sentita vicinanza», conclude La Russa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.